05/05: la protesta dei Suns contro la legge sull’immigrazione, il buzzer beater di Mourning rovina l’ultima partita di McHale

1969 – Bill Russell ed i suoi Boston Celtics entrano scrivono un’altra bellissima pagina della storia della NBA, vincendo l’undicesimo titolo in tredici stagioni. I Los Angeles Lakers danno vita ad una Finals esaltante, ma alla fine devono arrendersi in gara 7 per 108-106.

1993 – La carriera di Kevin McHale si chiude con un’eliminazione dei suoi Boston Celtics al primo turno dei playoffs, subita per mano degli Charlotte Hornets. Quest’ultimi si impongono in una appassionante gara grazie al buzzer beater di Alonzo Morning, che dai sei metri non perdona e dà la vittoria ai suoi.

1995 – Clyde Drexler è il top-scorer dell’incontro con 41 punti, Hakeem Olajuwon ne aggiunge altri 40 ed i Rockets battono nettamente per 123-106 i Jazz in gara 4 del primo turno dei playoffs. E’ la terza volta nella storia della NBA che due compagni di squadra segnano almeno 40 punti a testa nella stessa partita.

1995 – Gli Orlando Magic battono a domicilio i Boston Celtics per 95-92: è l’ultima partita di basket disputata al Boston Garden.

2010 – I Phoenix Suns conquistano i titoli dei giornali per vicende extracestistiche: scendono in campo con la maglia “Los Suns” per potrestare contro la legge sull’immigrazione firmata dal governatore dell’Arizona. Tra l’altro, in quell’occasione Phoenix si è imposta sui San Antonio Spurs per 110-102, in un match valido per le semifinali playoffs.