Accadeva il...

Accadeva il 2/12/2006: l’epico duello Nowitzki-McGrady e la sportività di T-Mac

2 dicembre 2006. Tracy McGrady si ferma a metà campo, visibilmente provato per quella che doveva essere una partita tra Rockets e Mavericks, ed invece si è presto trasformata in un duello splendido tra la guardia di Houston e Dirk Nowitzki. Quest’ultimo si è avvicinato al rivale, lo ha abbracciato e gli ha sorriso. D’altronde ride bene chi ride alla fine, anche se più che vittoria di una squadra o di un singolo giocatore, sarebbe più corretto parlare di vittoria della pallacanestro, che ha regalato una sfida destinata ai libri di storia.

Esattamente 10 anni fa, T-Mac ha disputato la sua miglior partita da giocatore dei Rockets, solo che il tedescone ha fatto meglio, sfoderando la prestazione più bella della sua carriera. Wunder Dirk ha infilato la bellezza di 53 punti, un record assoluto per la sua franchigia, ed ha così oscurato il season-high da 48 di McGrady, tornato ad essere immarcabile dopo un periodo in cui offensivamente non sta girando granché bene. Ovviamente una partita così non poteva finire nei tempi regolamentari: per risolverla c’è stato bisogno dell’overtime, in cui un Nowitzki divino ha realizzato i primi 10 punti e hapermesso ai Mavericks di prende un buon vantaggio e poi di imporsi per 113-106.

Il lungo di Dallas ha chiuso con numeri incredibili: 50 minuti giocati (su 53 disponibili!), 53 punti, 15/32 dal campo, 21/22 dalla lunetta, 16 rimbalzi, 4 stoppate e 3 palle recuperate. La guarda di Houston non è stata da meno: 49 minuti, 48 punti, 19/36 dal campo, 6/13 da oltre l’arco, 9 rimbalzi e 9 assist. Se il primo è entrato subito in ritmo ed ha terrorizzato la difesa avversaria, giocando con l’intelligenza, evitando di accontentarsi sempre del jumper e buttandosi dentro per trovare il fallo, il secondo invece ha capito di essere in serata e ha continuato a tirare anche quando veniva raddoppiato, trovando spesso e volentieri il fondo della retina.

Alla fine Nowitzki e i suoi Mavericks sono usciti dal campo con la vittoria, ma quando lo spettacolo è così alto e avvincente, poco importa il risultato finale. “E’ stato un incontro a dir poco eccitante – ha commentato allora T-Mac – Mi sono divertito molto e penso che si sia vista una bella pallacanestro, con due giocatori competere al massimo livello. Spero che anche gli appassionati si siano divertiti. Non avevo mai presto parte ad un match in cui un altro giocatore segnava 50 punti. E’ stato un onore per me esserci e alla fine mi sono sinceramente complimentato con Dirk”.