Accadeva il 6/06/2001: Allen Iverson e quella gara 1 di onnipotenza contro Kobe e Shaq

Il 6 giugno del 2001 Allen Iverson firma una delle sue prestazioni più memorabili in gara 1 delle Finals NBA. Di fronte non c’era una squadra qualunque, ma i Los Angeles Lakers di un giovane Kobe Bryant e di un dominante Shaquille O’Neal. Alla vigilia i Philadelphia 76ers erano dati per spacciati, dato che i gialloviola erano reduci da una striscia di 19 vittorie consecutive: in pratica non avevano perso nemmeno una partita di playoffs e sembrava praticamente impossibile che potessero cedere proprio allo Staples Center.

Ma quel giorno dovettero fare i conti con il genio ed il talento di “The Answer”, che giocò un incontro da vero MVP: non solo mise a referto 48 punti, conditi da 6 assist e ben 5 recuperi, ma fu assoluto protagonista dell’overtime. Qui, infatti, segnò 7 punti in fila nei primi 2’, permettendo ai suoi di imporsi per 107-101. Quella gara 1 comunque fu solo un incidente di percorso per i Lakers: Shaq e compagni dimostrarono di essere la squadra più forte della NBA, forse una delle migliori di sempre, vincendo le seguenti 4 gare e conquistando il titolo. Los Angeles si laureò campione, ma quella prestazione di Iverson entrò di diritto nella storia del basket a stelle e strisce.