Accadeva il...

Accadeva l’8/03/2002: tutti aspettano Jordan, ma è T-Mac a dare spettacolo con un 50ello

8 marzo 2002. Ci troviamo al T.D. Waterhouse Center, dove ci sono 17.248 tifosi che sperano di vedere all’opera Michael Jordan con i suoi Wizards. Insomma, c’è il tutto esaurito, ma non c’è il protagonista più atteso: His Airness, infatti, è rimasto a casa per colpa di un ginocchio non messo benissimo. Eppure il pubblico di Orlando quella notte ha comunque assistito alla prestazione Jordanesca che sperava di vedere, tra l’altro realizzata dal beniamino di casa.

Sì, perché Tracy McGrady decise di illuminare il campo dei Magic con la miglior prova della sua carriera fino a quel momento: realizzò 50 punti e trascinò i compagni al successo per 99-96, interrompendo così una striscia di quattro sconfitte consecutive. L’ultima volta che un giocatore di Orlando aveva raggiunto quota 50 era il 20 aprile 1994, con Shaquille O’Neal che ne mise la bellezza di 53. Ma quello che fece T-Mac fu davvero Jordanesco: dopo aver dominato l’incontro fin dall’inizio (clamorosi i 10 punti realizzati nell’arco di 83 secondi), nell’ultimo quarto mise in piedi un “one man show” con 15 punti, 9 degli 11 finali dei Magic, con tanto di canestro della vittoria con soli 13’’ rimasti sul cronometro.

McGrady chiuse con un impressionante 18/29 dal campo, incluso 4/7 da oltre l’arco, e aggiunse anche 10 rimbalzi. “Quando sono uscito di casa, ho detto ai miei amici che sentivo che avrei segnato almeno 40 punti – commentò Tracy nel post-partita – sono sceso in campo con l’atteggiamento giusto, mi sono sentito subito in grande fiducia ed è andata anche meglio di quello che erano le mie previsioni”.