Basket Europeo Eurolega News

MY-EuroLeague: il Regno delle giovani promesse (2ª giornata)

Photo Credits: Euroleague.net

In collaborazione con Enrico Longo, creatore della Pagina Facebook “Cause I fucking love this game“, analizzerò, giornata per giornata, le migliori prestazioni degli Under-22 nella nuova EuroLeague. La massima competizione europea per club, infatti, offre giovani promesse molto interessanti, da seguire con attenzione. Probabilmente, lo stesso giocatore comparirà più volte in questa rubrica, poiché alcuni talenti sono veramente interessanti e sarebbe impensabile parlarne una tantum. Tuttavia, il nostro obiettivo è quello di dare una visione, per quanto breve e concisa, sulle prestazioni di 3 o 4 giocatori Under-22 a giornata, quindi il criterio di selezione sarà unicamente quello della singola prestazione, anche e soprattutto tramite l’esame di statistiche personali.


Aleksandar Vezenkov
Data di nascita 6 agosto 1995
Nazionalità bulgara (nato a Nicosia, Cipro)
Altezza 206 cm
Peso 102 kg
Ruolo Ala
Squadra FC Barcelona Lassa
Statistiche medie finora 5.0 ppg, 2.0 apg, 66.7% 3P

Il Barça non riesce ad ingranare in EuroLeague e raccoglie una sconfitta anche contro il Fenerbahce, seppur in volata e con un finale incredibile. I catalani, infatti, dopo la stoppata di Sloukas sul tentativo di Rice, non riescono a commettere fallo per bloccare il cronometro e permettono agli ospiti di far scorrere 12 secondi e di portare a casa la vittoria per un solo punto di differenza (72-73). Il pubblico del Palau, per lo meno, si gode all’opera giovani talenti quali Vezenkov, giocatore che con Pascual aveva trovato pochissimo spazio.

L’ala ex-Aris gioca una partita di sostanza e carattere, mostrando di poter stare tanto in campo anche in una competizione così selettiva, qual è appunto l’EuroLeague. 7 punti (2/4 dal campo), 2 rimbalzi, 4 assist e 2 recuperi sono le statistiche del suo tabellino personale. Eppure, oltre ai numeri, vi è molto altro. Vezenkov offensivamente non forza nulla e, anzi, riesce a trovare sempre la miglior linea di passaggio (si pensi all’illuminante assist per l’inchiodata di Dorsey nel secondo quarto di gioco). Difensivamente, poi, non concede praticamente nulla al diretto avversario e non sembra soffrire nemmeno giocatori più atletici di lui.


Marko Guduric
Data di nascita 8 marzo 1995
Nazionalità serba (nato a Priboj)
Altezza 196 cm
Peso 91 kg
Ruolo Guardia
Squadra Stella Rossa Belgrado
Statistiche medie finora 12.0 ppg, 2.0 rpg, 2.5 apg, 40.0% 3P

Già presente nella prima puntata, Guduric compare anche in questa giornata poiché sembra non voler smettere di far bene in EuroLeague. Contro il Galatasaray, è autore di 11 punti (1/3 da due, 1/3 da tre) e 5 assist, a fronte di 0 turnovers commessi. La guardia serba continua nel suo percorso di maturazione e aiuta la Stella Rossa a raccogliere la prima vittoria stagionale. Nell’ultimo quarto Guduric sbaglia molto, ma non per questo sembra sottrarsi dal prendersi responsabilità offensive importanti; i 5 assist a referto, inoltre, dimostrano le potenzialità come passatore, prima ancora che come realizzatore, e questo sarà un aspetto molto importante ai fini del cammino dei serbi in EuroLeague. Pecca ancora un po’ in fase di realizzazione da oltre l’arco, ma su questo si può lavorare molto perché la meccanica di tiro è già ottima e la confidenza con il canestro si affinerà strada facendo.


Cedi Osman
Data di nascita 8 aprile 1995
Nazionalità turca (nato a Ocrida, in Macedonia)
Altezza 204 cm
Peso 89 kg
Ruolo Ala piccola
Squadra Anadolu Efes Istanbul
Statistiche medie finora 17.5 ppg, 4.0 rpg, 1.0 apg, 54.5% 3P

L’Efes subisce una clamorosa imbarcata al Pireo, eppure una nota positiva c’è e risponde al nome di Cedi Osman. Il talento turco gioca la sua miglior partita in EuroLeague, realizzando 22 punti (5/6 da due, 3/6 da tre) e catturando ben 6 rimbalzi. L’Olympiacos sembra essergli avversaria gradita per mettere in mostra tutto il talento di cui dispone, poiché in una partita contro i Reds di Atene aveva già stabilito il proprio primato personale per assist (4), nel gennaio 2015. Osman sembra essere – finalmente, per il talento di cui dispone – giunto alla stagione della consacrazione definitiva, tanto che coach Perasovic punta a farne uno dei punti di forza di una squadra che, però, in EuroLeague deve assolutamente invertire un trend negativo di risultati se non vuole essere risucchiata nel girone infernale delle delusioni stagionali.

A cura di: Enrico Longo & Marco Arcari