Basket Europeo News Qué es la Liga Rubriche

El Clásico en la final 2016 – Show del Real Madrid che si porta sull’1-1 contro il Barça

Photo Credits: Euroleague.net

Gara-2 completamente diversa rispetto al primo atto della Serie, poiché il Real Madrid prende subito in mano le redini del gioco e ammazza fin da subito il match con una coralità offensiva spaventosa; il Barça paga molto le pessime percentuali nel pitturato e i problemi di falli che affliggono Ante Tomic, poiché Samuels e Lawal non riescono a contenere lo strapotere tecnico-fisico di Ayon e Reyes (coach Laso qui è perfetto poiché è proprio grazie al quintetto in cui sono presenti i due lunghi che piazza il break decisivo per potare la Serie sul punteggio di 1 a 1).

FC BARCELONA LASSA REAL MADRID
70
90
SERIE 1-1

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

13 – I punti realizzati da Sergio Llull nel primo quarto; la scelta di coach Laso di proporlo in quintetto carica a dovere la guardia che risponde con una prestazione balistica incredibile e con giocate ai limiti delle possibilità umane. Dalla distanza è una sentenza (3/5 da tre), sia quando viene messo in ritmo dai compagni, sia quando deve costruirsi il tiro dal palleggio e da distanze siderali; ma con 3 assist è anche il play aggiunto di un Real che, con Llull in campo, è uno spettacolo unico da poter ammirare (incredibili le letture della guardia per i tagli backdoor dei lunghi madrileni). Si gode così il miglior primo quarto della stagione, dopo essere entrato nella storia in Gara-1 come l’unico giocatore ad essere andato in doppia cifra per assist in un match della Finale del campionato spagnolo da quando esiste la ACB.

17 – Le triple tentate dai Blancos nei primi 20 minuti, delle quali non tutte costruite ottimamente bensì forzate dal palleggio per affidarsi al talento di giocatori come Llull e Carroll; sicuramente le due guardie hanno un range infinito di tiro, ma alcune forzature avvengono proprio nel momento in cui il Barça prova a recuperare dal -20 in cui era sprofondato a inizio secondo quarto. A tenere in piedi l’attacco degli ospiti nella seconda frazione, non a caso, sono Reyes e Ayon, mentre solamente Sergio Rodriguez riesce a trovare il canestro dalla lunga distanza.

32 – I punti realizzati dai padroni di casa nel primo tempo di questa Gara-2: il Barça soffre moltissimo la difesa interna del Real Madrid e non riesce nemmeno a correre in transizione come aveva fatto – bene – nel primo atto di questa Finale. Il 9/20 da due punti dei catalani nella prima metà di partita è emblematico poiché, escluso Tomic, i padroni di casa faticano nel gioco in post e non riescono nemmeno a sfruttare gli arresti-e-tiro di Satoransky o Doellman. Le difficoltà offensive dei blaugrana non sono unicamente figlie di una difesa madrilena ben organizzata anche sui raddoppi in area – impedendo così a Tomic di mettere in mostra le sue doti di passatore – ma derivano anche da un’inaspettata confusione sul pick&roll e da linee di passaggio sicuramente rivedibili, specialmente sul ribaltamento di lato.

26 – La valutazione di Gustavo Ayon a fine terzo quarto; il centro messicano è il factotum dei castigliani, poiché sul pick&roll con Llull (o Rodriguez) è semplicemente incontenibile, in difesa è roccioso e contesta ogni movimento dei pari-ruolo catalani – Samuels sembra metterlo più in difficoltà rispetto a quanto non faccia Tomic – e offensivamente è semplicemente perfetto (8/8 da due punti). Spettacolare l’extra-pass con cui regala una comoda tripla a Thompkins in un momento chiave del match; un gesto tecnico che denota la completezza di uno dei migliori tre centri attualmente in Europa.

2 – Le perse di Juan Carlos Navarro secondo le statistiche ufficiali, ma il capitano del Barça è più deleterio di quanto non dicano i numeri. Difensivamente tiene bene Carroll, ma fatica moltissimo nelle rotazioni e nei raddoppi, mentre in attacco non riesce mai a sfruttare il suo talento e l’unica giocata degna di nota è la tripla in faccia a Rodriguez con cui prova a riportare sotto i suoi a metà della terza frazione. Se vuole vincere questa Liga, il Barça ha bisogno anche, e soprattutto, delle letture di Navarro, che oggi ha faticato molto anche nel pick&roll con Samuels (pochissimi quelli giocati con Tomic, a causa dei falli che hanno condizionato la partita del centro croato).

@ Palau Blaugrana – Barcelona
TABELLINO COMPLETO

BARCELONA I NUMERI DELLA PARTITA MADRID
14 – Tomic PUNTI Llull – 20
5 – Tomic RIMBALZI Ayon – 6
– Satoransky ASSIST Rodriguez – 5
14 – Samuels VALUTAZIONE Ayon – 28