Brad Wanamaker si racconta a My-Basket: “Amo Philly e sogno i playoff con Pistoia”

La Giorgio Tesi Group Pistoia sta volando. Prestazioni esaltanti e giocate spettacolari stanno infiammando il pubblico del PalaCarrara che, ormai, si è levato di dosso il peso degli inutili giudizi “sulla carta” di inizio stagione e guarda avanti, con orgoglio e un pizzico di follia, verso i playoff: 18 punti, a -2 dalla “linea” della post season e a +8 sull’ultima in classifica. Chi lo avrebbe mai detto?
Uno degli artefici della bella stagione pistoiese è sicuramente il playmaker Brad Wanamaker, già visto in Italia anni fa in pre-campionato a Varese e con brevi prestazioni ma alterne a Teramo e Forlì. Al momento del suo annuncio qualcuno ha storto il naso, ma in quelle comparsate si scorgeva già quel talento ancora inespresso che è invece esploso quest’anno. I suoi numeri sono di tutto rispetto: 15.5 punti, 4.2 rimbalzi e 19 di valutazione con un high di 29 punti e 33 di valutazione all’andata contro Pesaro. Le fortune della squadra di coach Moretti passano soprattutto dalla sue mani.

Partiamo dal campionato. Come sta andando a Pistoia?
Mi trovo davvero molto bene a Pistoia. È una grande squadra, ma soprattutto una grande famiglia.

E pensare che a inizio campionato si pensava che Pistoia fosse a rischio retrocessione…
Già. Ora rischiamo invece di entrare nei playoff.

Come è stata la tua esperienza nelle altra squadre italiane come Varese, Teramo e Forlì?
Sono state tutte esperienze molto belle, anche se ero molto giovane e un po’ inesperto, mi hanno arricchito molto.

Cosa ami dell’Italia?
Mi piace moltissimo la vostra cucina.

Ami molto la tua città, vero?
Moltissimo. Amo Philadelphia.

E in particolare North Philly, che hai anche tatuata sul braccio.
Già. North Philly è una zona di Philadelphia che mi piace molto e alla quale sono molto legato.

My-Basket ha scoperto che ami giocare ai veideogames. Qual è il tuo preferito?
Sì è vero mi piacciono i videogames, in particolare NBA Live e Call of Duty. Ci gioco solitamente dopo allenamento o la sera tardi.

Hai due figli: Bradly III di quattro anni e Isabella di otto mesi. Isabella è un nome italiano…
Sì, a mia moglie piaceva molto il suono del nome, che inoltre ha un bel significato.

BOTTA e RISPOSTA

Qual è la partita più bella che hai giocato? Ero al liceo e la partita stava andando molto male. Inizia il quarto quarto e la mia squadra sta per perdendo. A quel punto inizio a fare un sacco di punti e porto la mia squadra a vincere il campionato.
Quella più brutta? La mia ultima partita al college. Stavamo giocando il campionato NCAA ed eravamo pari con l’altra squadra. A un secondo dalla fine facciamo fallo. Loro tirano un libero e vincono la partita.
Cosa fai dopo l’allenamento? Mi piace passeggiare per la città e giocare con i videogames.
Com’è il tuo rapporto con i tifosi? È molto bello. Mi piace parlare con loro. Sento il loro affetto.
Usi i social network? Quali? Si, Twitter (@phillybul_22) e Instagram
La città in cui vorresti vivere? Philadelphia.
Sei fidanzato? Sono sposato e ho due bellissimi bambini.
Piatto preferito? Il ragù.
Vacanza da sogno? Amo le vacanze al mare.

LA PLAYLIST DI BRAD WANAMAKER

FOTO: gentile concessione dell’Ufficio Stampa Pistoia Basket 2000