Esclusiva MY-Basket: a tu per tu con Alessandro Mamoli

Abbiamo avuto la possibilità di intervistare Alessandro Mamoli, noto opinionista della redazione NBA di Sky. Ci ha detto la sua su diversi temi riguardanti l’NBA e l’NCAA, ma gli abbiamo chiesto anche quale potrebbe essere il futuro della lega sugli schermi degli Italiani la prossima stagione. Infine abbiamo invitato Alessandro Mamoli a tentare alcuni pronostici. Ecco le sue risposte:

NCAA: Da quali giocatori sei rimasto sorpreso e da quali deluso durante la March Madness? Quanto influiscono le prestazioni al torneo sul Draft NBA?
Non penso che un paio di partite “bucate” possano far cambiare idea a scout o general manager su un giocatore al di la dell’importanza che la partita stessa può avere o che rappresenta all’interno della stagione. Possiamo dire che da Cody Zeller e Ben McLemore, per dove saranno scelti al draft, ci si aspettava qualcosa di più. Il torneo NCAA di Trey Burke credo invece che gli farà guadagnare 4-5 posizioni a giugno.

NBA: Quale squadra potrebbe mettere maggiormente in difficoltà gli Heat ai playoff? I Knicks sono una seria contender? Vedi delle analogie tra questi Knicks ed i Mavericks di due anni fa?
Ad Est vedo poca concorrenza. Probabilmente New York è la squadra col maggior talento a disposizione per provare ad impensierirla. Per le analogie con i Mavs qualcosa c’è,  non solo per la presenza di Kidd e Chandler ma anche per il ruolo di Carmelo Anthony, simile a Nowitzki quando è schierato da numero 4. Lo stesso J.R.Smith in uscita dalla panchina regala un impatto “Jason Terryano”. Mi sembra manchi  uno stopper alla Shawn Marion ma per la stagione avuta sin qui, New York può essere considerata una seria guasta feste.

Anche se dovessero arrivare ai playoff, per i Lakers questa è stata una stagione fallimentare: che cosa dovrebbe fare la società in estate per risollevare le sorti dei gialloviola?
Non hanno tantissimo margine per muoversi. Contratti alti, giocatori non più giovanissimi. Hanno appena mandato via un allenatore, sarei stupito se ne cacciassero subito un altro anche se si parla molto di un possibile ritorno di Jackson nel ruolo di “organizzatore tecnico” con Shaw in panchina. Intanto vediamo cosa decidono di fare con Howard. Credo comunque che la stagione chiave per LA sia la 2014/15, quando contrattualmente potranno ripartire da zero. Howard a parte (se ri-firma), ad oggi  per l’ inizio del 2014/15  hanno solo i 9 milioni e spiccioli di Nash tra i salari sicuri.

In questa stagione ci sono stati più infortuni del solito, molti gravi come quello capitato a Gallinari. E’ solo un caso o è arrivato il momento di discutere dell’accorciamento della regular season?
Credo sia un discorso soggettivo. Ci sono fisici in grado di reggere anche 120 partite, altri che soffrono e subiscono di più lo stress. Generalizzarlo mi sembra superficiale. L’unica proposta che mi viene in mente è provare ad allungare la stagione di 20/25 giorni, partire ai primi di ottobre anziché ai primi di novembre. Così si potrebbe evitare qualche back to back di troppo e diluire le 82 partite su un periodo leggermente più lungo.

Cosa pensi della stagione di Russel Westbrook? Col senno di poi, tornando indietro di un anno, ti comporteresti come Sam Presti anche per quanto riguarda la trade di James Harden?
Credo che la valutazione sulle scelte di Presti vada fatta al termine di un periodo un po’ più lungo o quantomeno al termine della stagione. E’ vero che i Thunder flirtano col titolo da un paio di anni ma la squadra è ancora giovane, se tra 2/3 anni saranno ancora senza anelli allora potremo cominciare a mettere eventualmente in croce Presti ma mi sembra ancora prematuro.

La domanda che forse interessa di più a tutti gli appassionati di basket in Italia: negli ultimi anni Sky sta puntando sempre più sui grandi eventi e meno sui campionati sportivi. L’anno prossimo ci sarà ancora spazio per la NBA sull’emittente di Murdoch? Ci sono possibilità di rivedere anche la Serie A in futuro?
Onestamente non ne so nulla, al di là dei rumors che arrivano anche all’ esterno, non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione sul futuro di Sky legato alla pallacanestro.

1-MVP –  LeBron James
2.MIP –  Troppi candidati, butto li due nomi:  Chandler Parsons/Kyrie Irving
3.6th Man Of The Year – J.R.Smith
4.Finaliste NBA –  Miami vs Oklahoma City
5.Vincitrice NBA con relativo MVP –  Miami – LeBron James

Con la collaborazione di Gabriele Galluccio