La lettera di Levenson, proprietario degli Hawks

1. Dal primo giorno sono rimasto colpito dalla cordialità e dalla professionalità del personale del campo da gioco: i venditori di cibo, gli uscieri, i controllori di biglietti, etc… durante i nostri primi anni, quando portavo gente da DC erano stupiti dal contrasto tra la ABE Pollin’s Arena e la Philips Arena. Alcuni motivi sono attribuibili all’ospitalità e alle maniere del sud, anche se Bob e il suo staff fanno un buon lavoro di formazione. Ancora oggi, non riesco a farmi chiamare Bruce dagli uscieri, nonostante essi insistono sul fatto di essere chiamati per nome.
2. L’area di ristorazione di qualità inferiore (penso si riferisca ai fast food) è meglio di molte Arenas, anche se ciò non significa molto. Penso che ci sia spazio per creatività e nuovi miglioramenti. “Levy” è il nostro venditore di cibo quindi non abbiamo molto controllo sul tema, ma sono comunque stati buoni soci. Mi sarebbe piaciuto avere un’offerta più rappresentativa come “Boog’s Barbecue” nello stadio di baseball di Balt.
3. Il nostro nuovo ristorante, “Red”, ha appena aperto perciò è troppo presto perché io lo giudichi.
4. Per quanto riguarda le “operazioni di gioco”, devo cominciare con un po’ di contesto.

Per i primi due anni di proprietà della squadra non mi sono concentrato molto sulle “operazioni di gioco”. Fin quando un giorno si è accesa una lampadina. Mentre pensavo al perché della scarsa vendita di abbonamenti, mi fu detto che il motivo era che non riuscivamo ad convincere 35-55 persone e aziende di razza bianca a comprare gli abbonamenti e che loro sono la promozione primaria degli abbonamenti nella lega. Quando poi continuavo a chiedere più informazioni, la gente scrollava le spalle. Dopodiché, ho iniziato a guardare nell’arena durante le partite e mi sono reso conto delle seguenti cose:
– il 70% delle persone è di razza nera,
– le cheerleaders sono nere
– la musica è “hip hop”
– nei bar il 90% delle persone è di razza nera
– ci sono pochi padri e figli alle partite
– stiamo facendo concerti dopo le partite per attrarre più tifosi e i concerti sono o “hip hop” oppure “gospel”

Poi ho iniziato a guardare in altre “Arenas”. È completamente differente. Anche DC (Washington) con la sua benestante comunità di neri raramente ha più del 15% di pubblico di razza nera. Prima di comprare gli Hawks e per i due anni successivi, cercando di riempire l’arena (esortati dall’NBA) migliaia e migliaia di biglietti venivano regalati, prevalentemente nella comunità nera, aggiungendosi al già predominante pubblico di colore. La mia teoria è che il pubblico nero abbia fatto fuggire dallo spavento i bianchi e non ci siano abbastanza tifosi neri per costituire un numero significativo di abbonamenti. Per favore non fraintendetemi. Non succedeva nulla di intimidatorio nell’arena a quei tempi. Non mi sono mai sentito a disagio, ma credo semplicemente che i bianchi del sud non si sentissero a loro agio nell’arena o al bar dove erano una minoranza. Su dei siti di tifosi lessi  alcuni commenti che parlavano di quanto fosse pericoloso attorno alla Philips Arena. Tuttavia nei nostri 9 anni non ricordo alcun incidente di rapina o scippo. Quelle erano soltanto stupidaggini razziste. Quando sento delle persone dire che l’arena è nel posto sbagliato credo che sia dovuto al fatto che ci sono troppi neri alle partite. Sono stato sincero con il nostro team di responsabili della squadra riguardo queste preoccupazioni. Gli ho detto che voglio qualche cheerleader bianca e, anche se non mi importa quale sia il colore della riconoscibile pelle dell’artista, voglio che la musica sia da un bianco quarantenne, se ciò può servici come promozione della campagna abbonamenti. Mi sono anche rifiutato di vedere che ogni volta che c’è una sfida di tiro durante qualche time out venga preso dal pubblico un nero. Mi sono persino lamentato che la “kiss cam” fosse troppo nera. Gradualmente le cose sono cambiate. Il mio intuito non scientifico mi dice che il nostro pubblico ora è per il 40% nero, ancora 4 o 5 volte superiore a tutte le altre squadre. E un’altra mia ipotesi è che il 40% sembra il 70% agli occhi di qualche bianco presente alle nostre partite. I nostri bar sono ancora strapieni di neri. Ovviamente, questo è un argomento delicato, ma purtroppo penso che sia nettamente la ragione numero uno per cui la vendita dei nostri abbonamenti è così bassa. E molti dei nostri tifosi neri non hanno un adeguato reddito da spendere, che spiegherebbe il perché la vendita di cibo e bevande e di merce (magliette e altre cose degli Hawks) sia così bassa. A tutte le partite dei bianchi le vendite erano circa il triplo di quelle che ci sono alle partite degli hawks (la pausa extra spiega parte di ciò ma non tutto). Indipendentemente dall’orario d’inizio della partita, abbiamo siamo gli ultimi nella lega per l’arrivo dei tifosi. Spesso l’arena sembra vuota quando la squadra entra in campo. Negli ultimi due anni abbiamo creato una sezione di studenti del college molto rumorosa (in senso positivo) ed è stata una cosa positiva. Inoltre facciamo molte cose intelligenti durante i time out per intrattenere il pubblico. La nostra kiss cam è la migliore di tutta la lega. Facciamo tutti gli show di fine primo tempo che fanno le altre arenas, però mi chiedo che senso abbiano. La gente usa i propri telefoni cellulari durante la pausa di metà partita. Mi chiedo se far comparire sul display a fine primo tempo la scritta “stasera 2 dollari di sconto sugli hot dog durante la pausa di metà partita” possa essere un uso migliore dei nostri dollari di metà partita e rendere i tifosi più felici. Come tutti, doniamo gadget promozionali e i tifosi generalmente fanno più rumore che in tutta la partita quando il nostro staff entra per regalare magliette. Mi fa “girare i coglioni” che loro urlino più forte per avere una maglietta piuttosto che per sostenere i nostri tifosi. La nostra introduzione musicale è piatta. Creiamo tanto rumore, ma la causa è del tardo arrivo del pubblico e del fatto che molti neri non sembrano fare il tifo così forte (un’altra delle mie teorie) come lo fanno i bianchi. Anche quando ritorniamo a giocare in casa dopo quattro vittorie consecutive fuoricasa, io sono una delle poche persone in piedi a fare il tifo quando la nostra squadra entra in campo. Bob ha proposto alcune idee, come ad esempio negli intro far entrare i giocatori del quintetto base facendoli scendere dalle scale dell’arena invece che farli alzare dalla panchina. Sembra una buona idea ma potrebbe far risaltare i posti vuoi all’inizio delle partite. Non abbastanza tifosi indossano canotte degli Hawks alle partite. Ho appena iniziato a proporre idee come scontare alcuni alimenti per colore che indossano le canotte, ingressi speciali, etc…. Penso che abbiamo bisogno di un’associazione di tifosi che si impegni e sia incentivata. Dobbiamo capire che Atlanta è semplicemente diversa da qualunque altra città. Adottare le migliori pratiche dell’NBA non è abbastanza. Dobbiamo creare le nostre. Sto parlando senza sosta e potrei continuare all’infinito. Se avete bisogno che vi dica come la penso su qualche area in particolare, fatemi sapere.

Saluti, Bruce

Ps – Ho mandato la mail anche a CC’ Todd e ad Ed cosicché possano intervenire con ulteriori e diversi pensieri.