NBA

NBA Stats “PO Edition” – Celtics al peggior 1°Q di sempre nei PO, Grizzlies mai così male

Gara-2 tra Atlanta Hawks e Boston Celtics vede la vittoria dei padroni di casa (89-72 il finale alla Philips Arena), che si portano così sul 2-0 prima di trasferirsi al TD Garden di Boston. I 7 punti realizzati dai Celtics nel primo quarto costituiscono la peggior prestazione offensiva in un primo quarto di un match Playoffs da quando fu introdotto il cronometro dei 24” (la cosiddetta “shot-clock era”), nonché la peggior prestazione offensiva di Boston in qualsiasi quarto di una partita di Post-Season; incredibile come dopo il 3/23 dal campo della prima frazione, nei primi quattro minuti del secondo quarto Boston piazzi un 5/6 al tiro di squadra che frutta 11 punti, praticamente quasi il doppio dell’intera produzione offensiva dei primi 12′ del match. Brutte notizie anche a livello storico per i tifosi di Boston, poiché nelle 12 volte in cui i Celtics sono andati sotto 2-0 in una Serie Playoffs, essi sono riusciti ad accedere al turno successivo solamente una volta, mentre nelle altre 11 occasioni sono stati eliminati. Gli Hawks, invece, si godono il record di franchigia per stoppate rifilate in un match di Playoffs (ben 15, a fronte delle 10 messe a referto da Boston) e, soprattutto, il fatto che in questa Serie hanno permesso a Boston di essere davanti nel punteggio solamente per 1 minuto e 8 secondi complessivi, a fronte dei 91’32” in cui è stata Atlanta a comandare.

San Antonio, invece, si sbarazza agilmente di Memphis (94-68 il finale all’AT&T Center) e vede tutti i 13 giocatori a referto macchiare il proprio tabellino (con Mills top-scorer grazie ai 16 punti realizzati); i Grizzlies pagano un quintetto iniziale che, nel primo tempo di gioco, segna solamente 13 punti (tirando 6/23 dal campo complessivamente), ma il dato statistico che più pesa è il 32.6% al tiro con gli ospiti chiudono Gara-2 (dato impressionante se si considera che i Grizzlies prendono 20 tiri in più degli Spurs). Memphis realizza così la peggior prestazione offensiva di sempre in un match di PO, poiché aveva fatto peggio solamente il 19 aprile 2004, proprio contro gli Spurs (70 i punti a referto allora) e diventa la prima squadra dal 2010 a realizzare meno di 75 punti in due match consecutivi di Playoffs; nella Post-Season 2010 vi erano riusciti i Bucks, giusto per dovere di cronaca. Il match si segnala anche per qualche curiosità su Tim Duncan: infatti, è la prima volta in carriera che il fenomeno degli Spurs non realizza almeno un canestro in un match di PO (243 le presenze totali in Post-Season) nonché prima volta, con almeno 5 minuti giocati, in cui Duncan non si prende neanche un tiro dal campo in uno dei due tempi di gioco.