Bennett non ha voglia neanche di portare un blocco… Peggior 1a scelta di sempre?

Stanotte Anthony Bennett si è guadagnato l’attenzione dei media per il blocco meno entusiasta ed energico della stagione 2013-14. La prima scelta assoluta dell’ultimo Draft sembrava un turista per il campo, piuttosto che un giocatore di basket professionista che sta cercando di emergere e mettere a tacere le critiche.

Comunque il blocco, o meglio il non blocco che ha portato al compagno, non è la sua peggior giocata della sua tristissima stagione da rookie. E’ ancora presto per dirlo, ma in questo momento Bennett si sta spianando la strada per essere ricordato come la peggior prima scelta degli ultimi 20 anni. Il prodotto di UNLV sta viaggiando con 2.5 punti, 2.3 rimbalzi e 0.2 assist di media in 29 uscite. Ma non è tutto, perché sta tirando con il 27.2% dal campo ed addirittura il 14.3% da oltre l’arco (solo 4 triple segnate su 28 tentate). Il suo PER (player efficiency rating) è pari a 0.99: in questa speciale statistica è 329esimo su 330 nella NBA, solo Marques Teague ha fatto peggio di lui finora.

Sono tante le ipotesi sul perché Bennett non stia nemmeno lontanamente ripagando le attese, ma ancora non è stata trovata una soluzione per permettergli di rendere un minimo. Di certo la forma fisica non è eccelsa e l’intervento alla spalla forse non è ancora del tutto superato, ma il problema potrebbe anche non essere solo personale: forse sta giocando nella posizione sbagliata? Mike Brown non gli trasmette fiducia? Cosa devono fare i Cavaliers per risvegliarlo? Insomma, gli interrogativi sono tanti, certo è che se Bennett mettesse sul campo da gioco un minimo di energia e grinta in più sarebbe già un buon inizio: ma quel vergognoso tentativo di blocco, se così possiamo definirlo, non fa certo ben sperare per Anthony ed i Cavs.