Deron Williams, il martire dei Nets: ecco tutti gli infortuni che hanno frenato la sua carriera

“Voglio solo tornare in salute come un tempo – aveva dichiarato Deron Williams prima dell’All-Star Break – Se sono sano, so cosa sono in grado di fare. Gli ultimi anni sono stati frustranti per via dei continui infortuni, che purtroppo non posso controllare. Spero di potermi rimettere in sesto nel corso dell’estate”. Con il passere dei mesi le cose per D-Will non sono migliorate: nei playoffs non è riuscito a trovare continuità, alternando prestazioni degne del playmaker che era considerato uno dei migliori nel suo ruolo ad altre abbastanza anonime. E così, all’indomani dell’eliminazione dei suoi Nets nelle semifinali di Conference per mano degli Heat, Williams ha deciso di sottoporsi ad un intervento chirurgico per entrambe le caviglie, previsto per martedì 27 maggio. Andiamo a vedere tutti gli infortuni che hanno tartassato la carriera di Deron da quando è approdato a Brooklyn (anche se in verità allora la franchigia era ancora in New Jersey) nel febbraio del 2011. 

18 marzo 2011: nel corso della sconfitta per 110-95 con i Bucks, ha riportato un problema al polso destro ed è stato fermo ai box per circa due settimane, tornando in campo il 31. 

6 aprile 2011: è tornato nuovamente in infermeria, sempre a causa del polso destro, che stavolta lo ha costretto a sottoporsi ad un intervento ed a chiudere anzitempo la sua stagione. 

4 gennaio 2012: fino a quel giorno non aveva saltato nemmeno una partita, salvo poi rimanere fuori per un dolore alle costole. 

10 marzo-16 maggio 2012: in questo arco di tempo non è stato disponibile per 4 incontri, a causa di un infortunio al polpaccio destro. 

27 ottobre 2012: D-Will ha annunciato che avrebbe potuto avere bisogno di finire sotto i ferri per un problema alla caviglia sinistra, rilevato dopo aver utilizzato il cortisone per ridurre l’infiammazione. 

1 novembre 2012: il gm dei Nets, Billy King, ha minimizzato il problema, dicendo che Williams avrebbe fatto un intervento di pulizia della caviglia solo al termine della stagione. Intervento che non c’è mai stato. 

26 dicembre 2012: Deron non è sceso in campo per un polso dolorante. Il giorno successivo Avery Johnson è stato licenziato dal ruolo di head coach. 

11 febbraio 2013: è finito in infermeria per via di un infortunio alla caviglia, sottoponendosi a diversi trattamenti ad entrambe le caviglie. Tornerà a disposizione il 19. 

23 febbraio 2013: ha iniziato a trapelare l’indiscrezione secondo cui Williams ha ricevuto almeno 8 iniezioni nelle sue caviglie negli ultimi 4 mesi. 

17 marzo 2013: dichiarato finalmente sano, Deron però confida che le sue caviglie si sentono come una “merda”. 

15 aprile 2013: ancora un infortunio, stavolta al ginocchio sinistro. E’ stato rimesso in piedi nel giro di un paio di giorni, in tempo per i playoffs. 

18 settembre 2013: i Nets hanno annunciato che Williams si è slogato la caviglia destra mentre si allenava a casa nello Utah. Si pensava che potesse tornare in tempo per il training camp, ed invece non si è allenato fino al 22 ottobre e non ha giocato l’ultima partita di pre-season della squadra il 25. 

16 novembre-7 dicembre 2013: in questo arco di tempo ha saltato 11 partite per una distorsione alla caviglia sinistra. Si è infortunato inizialmente il 15 novembre, è tornato il 20 e si è rifatto male a causa di una brutta caduta. 

6 gennaio-10 gennaio 2014: ha saltato tre partite a causa di un dolore alla caviglia. In seguito ad una risonanza magnetica, i medici del team hanno riscontrato una distorsione. L’11 i Nets hanno iniziato a sottoporlo a diversi trattamenti ed è tornato attivo il 20 gennaio: è stato in panchina per sei partite, prima di tornare in quintetto. 

15 maggio 2014: Williams ha dichiarato che si sarebbe sottoposto ad una risonanza su entrambe le caviglie per capire se fosse necessario un intervento chirurgico. Il 22 è stato annunciato che finirà sotto i ferri.