Houston è la prima opzione di Dwight Howard: decisiva l’opera di convincimento di Harden?

“Al momento, Houston è sicuramente la destinazione preferita di Dwight Howard. Ma vediamo che cosa succederà a luglio”. Questo il tweet nella notte di Alex Kennedy, reporter di Hoopsworld, che arricchisce di un nuovo capitolo la seconda saga “Dwightmare”. Mentre sono in corso i playoffs che decreteranno i campioni NBA, già impazzano i rumors di mercato ed ovviamente il protagonista non poteva che essere Howard, dinanzi all’ennesima decisione sul suo futuro: rifirmare con i Lakers a 120 milioni di dollari per le prossime cinque stagioni o diventare free agent ed “accontentarsi” di un contratto da 90 milioni per 4 anni?

Stando alle ultime indiscrezioni, Howard sarebbe sempre più convinto di lasciare Los Angeles, dove difficilmente riuscirà a giocarsi un titolo nei prossimi anni, ed unirsi ad una squadra che possa essere competitiva da subito. Ed allora quale scelta migliore dei Rockets? Quest’ultimi non solo hanno già una superstar assoluta come James Harden, ma hanno anche una squadra molto giovane, talentuosa e soprattutto perfetta per ricevere gli scarichi di Howard, come accadeva ai tempi dei Magic.

Il periodo della free agency inizierà ufficialmente il primo luglio, quindi Dwight ha esattamente un mese per pensarci bene e valutare tutte le opzioni, ma quella di andare a Houston al momento sembra essere più di un’ipotesi nella sua testa: merito dell’intervento di Harden che, come ogni stella che si rispetti, ha già iniziato a muoversi per convincerlo ad unirsi a lui. I Rockets sembrano abbastanza convinti di firmarlo, tanto che hanno già iniziato a muoversi per piazzare altrove Thomas Robinson, quinta scelta del Draft 2012, in modo da liberare lo spazio necessario per offrire ad Howard il quadriennale al massimo salariale.