News & Mercato

I 10 migliori free agent rimasti liberi sul mercato NBA

la-sp-cn-clippers-javale-mcgee-discussions-20150704

I primi quattro giorni della NBA Free Agency 2015 sono stati a dir poco movimentati, e praticamente tutti i giocatori migliori si sono accasati. Nonostante ciò, ce ne sono ancora diversi liberi sul mercato che possono tranquillamente svolgere un ruolo importante per le squadre che vorranno metterli sotto contratto. Andiamo a vederli.

#1 REGGIE JACKSON, RESTRICTED
Dopo aver perso Greg Monroe, difficilmente i Pistons lo lasceranno partire, ma al momento non gli hanno ancora presentato nessuna offerta: il perché è semplice, Van Gundy vuole che sia il mercato a fare il suo prezzo, sperando di poterlo firmare a cifre molto più ragionevoli di quelle che hanno portato a casa playmaker come Dragic e Knight, che sono più o meno sullo stesso livello di Jackson.

#2 LOU WILLIAMS, UNRESTRICTED
Fresco vincitore del premio di sesto uomo dell’anno, il buon Lou vuole essere pagato. E giustamente, dato che ha dimostrato di poter essere una pedina molto importante e che comunque ha 28 anni ed è quindi all’ultima opportunità di strappare un contratto a cifre importanti. I Raptors vorrebbero tenerlo volentieri, soprattutto dopo aver perso Greivis Vasquez, ma ci sono diverse franchigie interessate a lui, in primis gli Heat, che però potrebbero portarlo a Miami solo tramite una sign-and-trade.

#3 DAVID WEST, UNRESTRICTED
Ha deciso di uscire dal contratto con i Pacers e quindi di rinunciare a 12.6 milioni nella prossima stagione: scelta molto coraggiosa, ma evidentemente a 35 anni a West interessa avere la miglior opportunità di vincere piuttosto che la miglior offerta economica. Al momento sono tre le franchigie in lotta per assicurarsi la sua firma: i Wizards, che hanno pronta la loro mid-level exception per lui, i Cavaliers, che però per il momento hanno solo espresso grande interesse, e gli Spurs. Quest’ultimi sicuramente per West rappresentano la miglior opportunità di vincere il titolo, ma per approdare a San Antonio dovrebbe accettare un contratto più basso rispetto a quello che potrebbero offrirgli altre squadre.

#4 RODNEY STUCKEY, UNRESTRICTED
Dopo una buonissima stagione, in cui ha anche tirato con un ottimo 39.0% da oltre l’arco, Stuckey vale molto di più dei 1.23 milioni che ha guadagnato nella scorsa stagione con i Pacers. La sua destinazione preferita è Cleveland, ma comunque si sta guardando attorno, dato che le franchigie interessate a lui non mancano: è pur sempre una buona shooting guard che sa anche portare palla. Stuckey ha due possibilità: scegliere l’offerta economicamente più vantaggiosa o quella che gli dà più chance di vincere.

#5 ENES KANTER, RESTRICTED
Nella seconda parte di stagione offensivamente è stato un crack per i Thunder, che vorrebbero vederlo assolutamente giocare al fianco di Kevin Durant e Serge Ibaka, con quest’ultimo che sembra fatto apposta per coprire le mancanze difensive di Kanter. Ovviamente l’ex Jazz vuole essere pagato e OKC pur di tenerlo potrebbe addirittura decidere di sforare il salary cap.

#6 JOSH SMITH, UNRESTRICTED
A Houston si è rilanciato alla grande ed è stato uno dei protagonisti della cavalcata dei Rockets, che si è arrestata solo in finale di Conference contro i Warriors, che si sono poi laureati campioni NBA. Considerando che i Pistons gli daranno più di 5 milioni l’anno per le prossime 5 stagioni, Smith può tranquillamente accettare un contratto a cifre contenute pur di giocare in una contender.

#7 J.R. SMITH, UNRESTRICTED
La sua scelta di uscire dal contratto con i Cavaliers e di rinunciare quindi ai 6.4 milioni sicuri che avrebbe guadagnato nella prossima stagione è sembrata un po’ folle, perché difficilmente Smith troverà qualcuno disposto a pagarlo così tanto, soprattutto dopo delle Finals oscene. Con Shumpert che ha rinnovato (quadriennale da 40 milioni), per JR sembra esserci pochissimo spazio a Cleveland, almeno dal punto di vista salariale (a meno che Dan Gilbert non decida di sfondare ulteriormente il salaray cap).

#8 JORDAN HILL, UNRESTRICTED
I Lakers lo hanno lasciato andar via con la certezza di prendere uno dei migliori free agent nel ruolo di centro, e invece alla fine si sono dovuti accontentare di Roy Hibbert, ovvero della loro quarta opzione. Chissà se a Los Angeles staranno rimpiangendo il buon Hill, che non sarà un fenomeno, però il suo lo ha sempre fatto (12.0 punti e 7.9 rimbalzi in 26’ di media nella scorsa stagione). Per il momento di lui si è parlato pochissimo, ma con i vari Aldridge e Jordan che son stati piazzati, presto qualcuno inizierà a bussare alla sua porta.

#9 AMAR’E STOUDEMIRE, UNRESTRICTED
Ormai difensivamente è un telepass e l’atletismo è quello che è, però Stoudemire nella scorsa annata ha dimostrato di poter essere ancora utile dal punto di vista realizzativo. Alla luce di ciò, molte franchigie sono interessate ad utilizzare una mid-level exception per fargli svolgere il ruolo di cambio dei lunghi titolari: Rockets, Clippers e Suns sembrano essere le maggiori pretendenti.

#10 JAVALE MCGEE,  UNRESTRICTED
Considerando che nella prossima stagione i Sixers gli verseranno 12 milioni di dollari (è stato rilasciato senza che venisse raggiunto alcun accordo per il buyout), il buon JaVale cercherà la miglior opportunità per giocare con continuità e provare a tornare ad esprimersi sui livelli dei passato a Denver. Le franchigie più interessate a lui sembrano essere Clippers e Blazers, con quest’ultimi che hanno anche parecchio spazio salariale.