News & Mercato

I giocatori NBA strapagati negli ultimi 20 anni (parte 1)

Negli ultimi 20 anni, in NBA si sono visti parecchi giocatori strapagati rispetto al loro reale valore. Per un motivo o per un altro, le franchigie hanno offerto contratti estremamente remunerativi a stelle in erba o giocatori che avevano già dato il meglio della loro carriera, ritrovandosi sul groppone stipendi sproporzionati rispetto al reale valore del campo. Andiamo a scoprire quali sono i maggiori giocatori che negli ultimi 20 anni hanno dimostrato di non valere i soldi che hanno guadagnato.

SAMUEL DALEMBERT
Soldi guadagnati: 88.7 milioni
Durata carriera: dal 2001-02 al 2014-15
Statistiche: 8.0 punti, 8.1 rimbalzi, 1.8 stoppate
Nessuno pretendeva che diventasse una superstar in NBA, quindi gli 8 punti e altrettanti rimbalzi di media in carriera sono numeri discreti. Ma di certo non bastano per giustificare gli oltre 88 milioni che si è messo in tasca. A commettere un grosso errore di valutazione sono stati i Sixers, che l’hanno firmato a cifre altissime nel 2005 (contratto a salire da circa 50 milioni in 5 anni), senza ricevere però in cambio la produzione necessaria per diventare una contender.

HEDO TURKOGLU
Soldi guadagnati: 89.1 milioni
Durata carriera: dal 2000-01 al 2014-15
Statistiche: 11.1 punti, 4.0 rimbalzi, 2.0 assist
Alle origini, Turkoglu era un giocatore unico per il suo ruolo di ala grande, grazie alla sua dinamicità ed alle abilità di playmaking. Ed è per questo che i Raptors nel 2009 lo hanno strappato ai Magic con un contratto di cinque anni dal valore di 53 milioni. Da quando ha firmato, però, è stato una costante delusione per Toronto, non arrivando a segnare più di 11.3 punti a partita in stagione, ma soprattutto sembrando la brutta copia del giocatore ammirato a Orlando.

ERICK DAMPIER
Soldi guadagnati: 97.9 milioni
Durata carriera: 1996-97 al 2011-12 (16 anni)
Statistiche: 7.4 punti, 7.1 rimbalzi
Le statistiche parlano chiaro: in nessun modo Dampier vale i soldi che i Mavericks gli hanno regalato nel 2004, anche se era reduce da una stagione da 12 punti e 12 rimbalzi ad allacciata di scarpe. A Dallas non è mai stato il lungo che ci si aspettava, soprattutto dal punto di vista offensivo, dove non è mai stato una grande minaccia. Ah, ci sarebbe anche questa curiosa statistica che gira per il web:
Erick Dampier 2001-2002 Salary: $6,235,000 avg 8/5/1
Michael Jordan 2001-2002 Salary: $1,000,000 avg 23/6/6

DAMON STOUDAMIRE
Soldi guadagnati: 99.6 milioni
Durata carriera: 1995-96 al 2007-8 (13 anni)
Statistiche: 13.4 punti, 6.1 assist, 1995-96 Rookie of the Year
Quando è stato scelto con la n.6 dai Raptors nella loro stagione inaugurale, Stoudamire è stato visto come una potenziale stella. Ed inizialmente ha confermato le attese, vincendo il premio di rookie dell’anno e mettendo a referto 17 punti e 8 assist di media nelle prime tre stagioni. Poi, però, all’inizio della quarta è stato ceduto ai Blazers e la sua carriera è sprofondata nella mediocrità: Stoudamire non ha più regalato alcun acuto ed è quindi pazzesco pensare che abbia guadagnato quasi 100 milioni in un periodo estremamente competitivo come quello di fine anni ’90 ed inizio 2000.

THEO RATLIFF
Soldi guadagnati: 102.3 milioni
Durata carriera: dal 1995-96 al 2010-11 (16 anni)
Statistiche: 7.2 punti, 5.7 rimbalzi, 2.4 stoppate, All-NBA Defensive Second Team (1999 e 2004), una apparizione all’All-Star game.
Nonostante fosse un eccezionale stoppatore ed un buonissimo difensore, per essere uno specialista Ratliff è stato decisamente strapagato. Basti pensare che in 16 stagioni ha giocato in ben 9 squadre diverse, disputando solo 21 partite di playoffs, tra l’altro senza lasciare il segno: specialista prezioso, ma di certo non da 102 milioni di dollari.

TO BE CONTINUED…