I giocatori NBA strapagati negli ultimi 20 anni (parte 2)

Negli ultimi 20 anni, in NBA si sono visti parecchi giocatori strapagati rispetto al loro reale valore. Per un motivo o per un altro, le franchigie hanno offerto contratti estremamente remunerativi a stelle in erba o giocatori che avevano già dato il meglio della loro carriera, ritrovandosi sul groppone stipendi sproporzionati rispetto al reale valore del campo. Andiamo a scoprire quali sono i maggiori giocatori che negli ultimi 20 anni hanno dimostrato di non valere i soldi che hanno guadagnato. PARTE PRIMA

STEVE FRANCIS
Soldi guadagnati: 103.5 milioni
Durata carriera: dal 1999-00 al 2007-09
Statistiche: 18.1 punti, 6.0 assist, 1999-00 Rookie of the Year, 3 All-Star games
Nella prima parte della sua carriera, Francis è stato una delle combo guard più devastanti della NBA. Nella seconda parte invece, uno dei contratti più devastanti. In particolare, gli ultimi due suoi anni nella lega americana sono stati estremamente strapagati: ha guadagnato 15.1 milioni nel 2006-07 mettendo a referto 11.3 punti e 3.9 assist con i Knicks ed addirittura 17.5 milioni nel 2007-08 con i Rockets, ripagando la fiducia di Houston con la miseria di 5.5 punti e 3.0 assist ad allacciata di scarpe.

BRIAN GRANT
Soldi guadagnati: 109.8 milioni
Durata carriera: dal 1994-95 al 2006-07
Statistiche: 10.5 punti, 7.4 assist, 1994-95 All-Rookie Team
Nulla da dire sul giocatore, sicuramente un buon comprimario con spiccate doti difensive, ma le sue cinque stagioni in doppia cifra per milioni all’anno guadagnati di certo non le meritava. Contratti del genere solitamente li sottoscrivono giocatori completi, in grado di fare la differenza su entrambi i lati del campo: invece Grant in attacco è sempre stato limitato, riuscendo a chiudere in doppia cifra di media ed a segnare almeno 15 punti a partita in una sola delle 12 stagioni disputate in NBA. C’è da dire però che Grant ha sempre avuto una predilezione per la beneficenza, quindi si può dire che i troppi soldi dati a lui sono poi serviti per scopi alti.

KENYON MARTIN
Soldi guadagnati: 110.8 milioni
Durata carriera: dal 2000-01 ad oggi
Statistiche: 12.8 punti, 7.0 rimbalzi, un All-Star Game
Martin sembrava poter essere una vera stella, ma alla fine si è trasformato in un ottimo giocatore di ruolo. Nulla da dire sulla sua utilità in NBA, il problema è che un role player non dovrebbe costare 110 milioni di dollari nel corso della sua carriera. K-Mart è sempre stato un’ottima presenza in difesa per ogni squadra in cui ha giocato, ma già a rimbalzo non ha mai fatto davvero la differenza, per non parlare dell’attacco, dove ha un jumper mai evoluto dal livello elementare. Probabilmente i suoi primi due ottimi anni con i Nets hanno fatto pensare alla NBA che stava nascendo una stella, ed invece quelle sono state le sue stagioni migliori.

GILBERT ARENAS
Soldi guadagnati: 119.9 milioni
Durata carriera: dal 2001-02 al 2011-12
Statistiche: 20.7 punti, 5.3 assist, 2002-03 Most Improved Player, 3 All-Star game, 2 All-NBA 3rd team, 1 All-NBA 2nd team
Inserire in questa classifica un giocatore che adoro non è facile, e sicuramente tra di voi c’è chi penserà che sono matto per nominarlo qui. Però mettendo da parte i sentimentalismi, i fatti dicono che Arenas, seppur sia stato un giocatore dal talento indiscutibile, è durato troppo poco e non è riuscito ad affermarsi come una stella di livello assoluto. Nel 2008 ha firmato l’estensione di 6 anni per 111 milioni di dollari con i Wizards, ma è praticamente come se li avesse rubati quei soldi, visto che ha giocato poco e niente in quegli anni: un po’ perché è stato tartassato da una miriade di infortuni e un po’ perché è stato condannato per la storia delle armi da fuoco all’interno dello spogliatoio di Washington. Dal 2008 al 2012 Arenas ha segnato in tutto la miseria di 1575 punti, mentre in banca gli sono entrati la bellezza di 68 milioni.

ANFERNEE “PENNY” HARDAWAY
Soldi guadagnati: 120.5 milioni
Durata carriera: dal 1993-94 al 2007-08
Statistiche: 15.2 punti, 5.0 assist, 4 All-Star game
I Magic hanno avuto tantissimo da Hardaway per quello che l’hanno pagato. Di certo lo stesso non lo si può dire per i Suns ed i Knicks. La carriera di Hardaway è stata brutalmente frenata dagli infortuni alle ginocchia e dalle continue operazioni, che non gli hanno mai più permesso di fare lo stesso tipo di giocate che hanno deliziato la NBA durante la seconda metà degli anni ’90. Dal 2000-01 al 2005-06, Penny ha sempre guadagnato almeno 10 milioni a stagione, senza però riuscire ad andare oltre i 12 punti o i 4 assist di media a stagione.