Il bambino di 10 anni malato cancro e quel sogno di giocare con i Wizards che diventa realtà

Quando mancano quattro partite al termine della regular season, i Wizards hanno già fatto molto felici i tifosi, forse andando addirittura oltre le previsioni di inizio stagione. Dopo un lungo percorso di ricostruzione, Washington finalmente è tornata a far registrare un record positivo ed a qualificarsi per i playoffs. Cosa ci può essere meglio di questo? Solo il gesto di solidarietà di cui si è resa protagonista la franchigia nella giornata di ieri: ha messo sotto contratto un bambino di 10 anni affetto da un cancro al rene.

In collaborazione con “Make-A-Wish Mid-Atlantic”, i Wizards hanno aiutato Amaris Jackson a realizzare il suo sogno. Il ragazzino, nativo di Washington e tifosissimo della squadra della capitale, sta combattendo contro un cancro e nel prossimo futuro subirà un’intervento chirurgico. Amaris, che gioca da playmaker nella squadra di pallacanestro della sua scuola, sarà con i Wizards per la partita in programma questo fine settimana contro i Milwaukee Bucks.

Il bambino parteciperà allo shootaround pre-partita ed alle altre attività previste da un normale contratto di un giorno con la franchigia. I Wizards non hanno certo bisogno di allungare le rotazioni, ma sicuramente potranno trarre ispirazione da Amaris mentre si dirigono verso la post-season per la prima volta dal 2008. Washington ha ancora quattro partite da disputare contro Magic, Bucks, Heat e Celtics: dopo aver perso in back-to-back contro Bulls e Bobcats, Wall e compagni potranno provare a prendere un po’ di slancio in vista dei playoffs.