NBA News & Mercato

Mercato NBA – Tutti gli accordi e i rumors del quinto giorno di free agency

COSE INSPIEGABILI – Sul valore di Lou Williams ci sono pochi dubbi, d’altronde stiamo parlando di un ventottenne che è nel massimo della sua carriera, dato che è reduce da un’ottima stagione in cui si è portato a casa il premio di Sesto Uomo dell’Anno. Il triennale dal valore di 21 milioni fattogli firmare dai Lakers è eccellente dal punto di vista economico, però Williams si inserisce in un backcourt affollatissimo, vista la presenza di Kobe Bryant, Nick Young, Jordan Clarkson e D’Angelo Russell. Comunque, non è detto che possa esserci qualche scambio che coinvolta Young o lo stesso Williams. Ad essere inspiegabile, più che altro, è perché I Raptors hanno trovato un accordo con Corey Joseph per un quadriennale da 30 milioni: stiamo parlando di una riserva degli Spurs che guadagnerà più del sesto uomo dell’anno. A Toronto non conveniva di più confermare Williams? Misteri della free agency.

I CAVALIERS PROVANO IL COLPACCIO – Dando per scontato che JR Smith non verrà rifirmato, Cleveland è interessata ad aggiungere al roster Joe Johnson e il suo pesantissimo contratto da 24.9 milioni. Per rendere possibile una cosa del genere, i Cavs dovrebbero mettere sul tavolo i contratti di Brendan Haywood (i cui 10.5 milioni potranno essere tagliati senza problemi a partire dal 1 agosto) e di Anderson Varejao. L’impressione è che non sarà semplice realizzare questo affare, ma la volontà dei Nets di salvare spazio salariale potrebbe fare tutta la differenza del mondo e rendere il quintetto dei Cavs straordinariamente competitivo.

IL VALORE AGGIUNTO – Così Larry Bird ha definito Rodney Stuckey, che è stato rifirmato dai Pacers sulla base di un triennale da 21 milioni: cifra forse un po’ eccessiva per quello che è un discreto tiratore con la capacità di portare anche palla in certi frangenti, ma Indiana lo considera la riserva perfetta della coppia titolare formata da George Hill e Monta Ellis, quindi in quest’ottica il suo contratto può tranquillamente starci.

ASPETTANDO MANU – Dopo aver rifirmato Kawhi Leonard, Danny Green e Tim Duncan e aver portato a San Antonio LaMarcus Aldridge, gli Spurs hanno assolutamente bisogno di una risposta positiva di Ginobili. La cui decisione diventa fondamentale, dato che Popovich ha perso sia Belinelli che Joseph per motivi di salary cap: a 37 anni l’argentino è ormai al tramonto, ma la sua leadership è indiscutibile, così come i neroargento sono convinti che possa ancora essere determinante, se gestito al meglio.

REGGIE RESTA A DETROIT – Come previsto, i Pistons hanno raggiunto l’accordo con Jackson, che guadagnerà complessivamente 80 milioni nei prossimi 5 anni. Cifre importanti, giustificate dal fatto che il giocatore volesse essere ben pagato, dopo aver viaggiato a 17.6 punti, 9.2 assist e 4.7 rimbalzi di media nelle 27 partite disputate a Detroit.

ALTRI ACCORDI E RUMORS – I Mavericks potrebbero portare a Dallas Jeremy Lin tramite una sign-and-trade con i Lakers, e nel frattempo hanno firmato Jeremy Evans con un biennale al minimo salariale e stanno parlando di rinnovo con J.J. Barea. I Kings hanno avviato i contatti con Josh Smith, anche se per ora non sembra esserci nulla di serio, mentre i Nets vorrebbero confermare Alan Anderson, che però piace a diverse squadre, dato che può essere una solida opzione in uscita dalla panchina.