MY-Mock Draft 2013: i risultati del concorso e l’intervista al vincitore

Nella notte tra il 27 e il 28 giugno è andato in scena il Draft NBA. La nottata ha riservato parecchi colpi di scena già a partire dalla prima scelta, con cui i Cavs hanno chiamato Anthony Bennett di UNLV. La battuta preferita dei giornalisti americani su Twitter dopo la scelta dei Cavaliers, infatti, è stata subito indirizzata alla moltitudine di Mock Draft bruciati già dopo pochi minuti di Draft. Anche il vincitore del nostro concorso aveva indicato Nerlens Noel come prima scelta, ma si è riscattato alla grande soprattutto con due prodezze al termine del primo giro.

LA CLASSIFICA DEL CONCORSO

1. Carlo Perrone 100 punti
2. Alessandro Rustici, Serafino De Vincent, Antonio Grifo 60 punti
5. Gian Maria Este, Antony Felix 55 punti
7. Matteo Elifani 45 punti
8. Luca Peroni 40 punti
9. Alessandro Leva, Sebastian Aucello 35 punti
11. Federico Parodo 30 punti
12. Giorgio D’Amico, Francesco Zanolli 25 punti
14. Leo Ciccarelli, Andrea Radi, Giulio Golini 20 punti
17. Federico Bianchi, Omar Neseir, Federico Visini 10 punti
20. Christian Bazzucchi, Fabio Paiusco 0 punti

I PUNTI DEL VINCITORE

#2 Victor Oladipo (Orlando Magic) – 10 punti
#3 Otto Porter (Washington Wizards) – 10 punti
#5 Alex Len (Phoenix Suns) – 10 punti
#12 Steven Adams (Oklahoma City Thunder) – 15 punti
#19 Sergey Karasev  (Cleveland Cavaliers) – 15 punti
#22 Mason Plumlee (Brooklyn Nets) – 20 punti
#29 Archie Goodwin (Phoenix Suns) – 20 punti

L’INTERVISTA

Abbiamo fatto qualche domanda al vincitore del concorso.

Partiamo dal tuo Mock: hai indicato correttamente sette scelte (Oladipo, Porter, Len, Adams, Karasev, Plumlee e Goodwin). Tra questi sette giocatori, chi ha maggiori possibilità di emergere nel contesto in cui è capitato?

Considerando il contesto nel quale è capitato credo che il giocatore che abbia più possibilità di emergere sia Otto Porter. Sarà affiancato nella sua prima stagione NBA da due giocatori sicuramente molto maturati come Wall e Beal e da una serie di “comprimari” non male.

In generale, quale giocatore di questo Draft avrà secondo te maggiore impatto nel suo anno da rookie? Pensi che i Cavs abbiano fatto bene a scegliere a Bennett?

A mio avviso il giocatore che avrà maggiore impatto nel suo anno da rookie sarà Trey Burke. E’ un grande leader, sa giocare bene il pick‘n’roll ed ha un ottimo tiro da fuori. Per quanto riguarda i Cavs e la loro scelta non la condivido in pieno, ovvero avessi avuto la prima scelta avrei preso sicuramente Nerlens Noel che sarebbe andato a formare un asse Play-Centro non male con Irving… aspettando poi quel famoso contratto dell’ala (anche se alla fine è un all-around) in maglia 6 degli Heat che nel 2014 andrà scadendo per un ritorno stile fiaba del prescelto a Cleveland.

Uno dei tuoi colpi da 20 punti è stato Mason Plumlee, scelto dai Brooklyn Nets. Con l’inserimento di Pierce e Garnett e Jason Kidd da capo-allenatore, dove pensi che possano arrivare i cugini dei Knicks? Plumlee troverà spazio?

Difficile domanda… dove arriveranno i Nets dipende da molte variabili. Secondo me tutto dipenderà dalla voglia che hanno di “passarsi la palla”. Sembra una frase stupida ma a mio avviso è proprio così, hanno giocatori come Pierce e Joe Johnson ai quali piace stare molto con la palla in mano. Una loro buona stagione dipenderà dalla voglia che avranno di mettersi da parte come singoli e mettersi al servizio della squadra. Credo potrebbero ambire alle semi-finali di Conference, nient’altro. Plumlee a mio avviso riuscirà a trovare spazio, mi piace come giocatore e prenderlo alla 22 secondo me è stato un affare.

Scambio Pelicans-Sixers: Nerlens Noel (e una prima scelta) per Jrue Holiday. Secondo te, chi ha fatto l’affare?

Difficile dirlo. A mio parere Phila l’anno scorso è stata sfortunatissima, pagare così tanto Bynum e non vederlo giocare è stato davvero un peccato, sarebbero potuti arrivare lontano. Phila è quella che si è presa il rischio maggiore scambiando un play fortissimo, giovane e già affermato come Holiday con un rookie come Noel e scommettendo su un Carter-Williams (rookie anche lui) che andrà a sostituire proprio l’ex play dei 76ers. Mi sbilancio però e dico che per me l’affare lo ha fatto Phila!