Playoffs NBA – James ritrova gli Heat: spazzati via i Pacers, è finale con gli Spurs

Mentre gli Heat festeggiano, in casa Pacers sono ancora a mordersi le mani: nell’atto decisivo, Indiana ha pagato l’inesperienza, ma soprattutto ha mostrato i suoi evidenti limiti in attacco, non riuscendo a trovare alternative la gioco in post, efficacemente bloccato dai padroni di casa. Dopo un primo quarto equilibrato, i Pacers hanno pagato le 15 palle perse nei primi 24’, che hanno permesso agli Heat di piazzare un break nella seconda frazione di 33-16 che è valso il +15 all’intervallo. Da questo momento in poi, non c’è stata più partita: Indiana non è mai riuscita a scendere sotto la doppia cifra di svantaggio ed ha anche toccato il -28 prima di chiudere sul 99-76.

Prova di forza di Miami, che ha battuto gli avversari con le loro stesse armi: difesa forte e aggressiva, attacco ordinato, ottima circolazione di palla che ha costretto i lunghi di Indiana a muoversi dal pitturato. Non a caso sono arrivati ben 15 rimbalzi offensivi, contro gli 8 dei Pacers. Alla vigilia LeBron James aveva strigliato Dwyane Wade e Chris Bosh, i quali hanno dato una risposta in questa gara 7: mentre il n.6 ha giocato come al solito sui suoi standard, mettendo a referto 32 punti, Wade è stato finalmente un fattore, giocando con grande voglia e determinazione e chiudendo con 18 punti e 9 rimbalzi. Meno positivo Bosh, che però ha messo un paio di canestri importanti nel secondo quarto che hanno dato il là al parziale decisivo.

Per Indiana ancora una volta da dimenticare l’apporto della panchina, non adatta per questi livelli, ma anche i titolari non hanno brillato: Paul George (7 punti) è stato annullato in difesa da James, Roy Hibbert ha avuto costantemente problemi di falli (18 punti e 8 rimbalzi), mentre David West ha sì segnato 14 punti, ma ha perso la bellezza di 6 palloni. Per Indiana ci sarà sicuramente modo di rifarsi nei prossimi anni, ma adesso è ancora il momento di Miami, alla terza finale consecutiva. L’attesa per San Antonio è finita, che lo spettacolo delle Finals NBA inizi.