Un sinistro può tirar meglio con la destra? La sfida di Tristan Thompson

Diversi giocatori NBA sono ambidestri, in particolare quando attaccano il ferro, ma ancora non si era mai visto uno che ha iniziato la carriera tirando con una mano ed ha poi deciso che sarebbe stato meglio utilizzare l’altra. Questo è proprio il caso di Tristan Thompson, che dopo aver tirato per una vita con la mano sinistra, a 22 anni ha sorpreso tutti decidendo di imparare a tirare dalla media e dalla lunetta con la mano destra.

L’ala dei Cavaliers sta lavorando su questo grande cambiamento con la nazionale canadese, impegnata nel FIBA Americas 2013. Nella notte di giovedì è sceso in campo contro la Giamaica ed è già stato possibile vederlo giocare con la mano destra: la sua prima volta in partita non è stata esattamente indimenticabile, dato che ha sbagliato due liberi e tutti i tiri fuori dal pitturato. Nell’ultima stagione Thompson si è messo in evidenza con 11.7 punti e 9.4 rimbalzi di media a partita, ma il suo obiettivo è migliorare il 48% dal campo, ed in particolare il suo jumper dalla media.

Se buttarsi dentro ed andare a canestro non è mai stato un problema per lui, l’anno scorso Thompson ha mostrato delle difficoltà con il tiro dalla media, tanto che gli avversari spesso e volentieri glielo hanno concesso: non a caso il 70% dei suoi tentativi sono arrivati all’interno del pitturato, mentre ha preso solo 84 tiri da oltre 3 metri e 16 da oltre 5. Secondo Dave Love, lo shooting coach che lo sta seguendo, Thompson potrebbe migliorare notevolmente il suo tiro dalla media distanza grazie al cambio di mano: “Dopo una sola settimana che abbiamo iniziato a lavorare insieme – ha detto – ha fatto 100 jumper con la sinistra e 100 con la destra ed ha tirato molto meglio con la destra”.

I Cavaliers si aspettano ulteriori miglioramenti da Thompson ed appoggiano la sua scelta di cambiare mano di tiro: sarà il campo a dirci se questa decisione fuori dagli schemi sarà giusta.