3 temi della notte NBA: rivincita Spurs, Gerald Green incredibile, disfatta Lakers nel derby

RIVINCITA – Dopo la sconfitta sul campo degli Houston Rockets, i Miami Heat perdono ancora in Texas. Questa volta, nel rematch delle scorse Finals contro i San Antonio Spurs. LeBron, frustrato dalla maschera, l’ha levata già nel corso del primo quarto. A fine partita lui e Wade si sono anche lamentati per le magliette a maniche corte, che non sono piaciute alle due stelle degli Heat. Fatto sta che la squadra campione NBA ha perso palla a più riprese e non è stata in grado di contrastare l’efficace attacco degli avversari. LeBron ha avuto una serataccia al tiro con 6/18 dal campo e ha perso 5 palloni. Di là lo hanno marcato Kawhi Leonard e Boris Diaw e non per niente Leonard ha registrato (con 5) il suo nuovo career high per palle rubate. A proposito di career high, Patty Mills ha catturato 10 rimbalzi. La prova più straordinaria, anche meglio del 5/5 dal campo di Diaw, è quella di Tim Duncan: 23 punti, 11 rimbalzi e 9/13 al tiro. Solo Malone, Abdul-Jabbar e Olajuwon hanno avuto una media punti superiore alla sua a 37 anni; solo Robert Parish ha catturato più rimbalzi di lui nella sua stagione da 37enne.

PROVATE A FERMARE GERALD – L’assenza di Plumlee, con Alex Len che è partito in quintetto, non ha scalfito più di tanto gli equilibri dei Phoenix Suns. Certo, i Thunder erano anche scappati sul +16 ad un certo punto della contesa, ma un terzo quarto da 25 punti per Gerald Green ha permesso alla squadra di casa di sistemare le cose. Solo Stephon Marbury, nel quarto quarto contro gli Spurs del 2009, ha segnato di più in un singolo periodo in maglia Suns (26). E quando la partita si è trascinata fino al minuto 47 con solo 2 punti di vantaggio per i Suns, quale giocata ha risolto la partita? Ma certo, un alley oop in famiglia con Marcus che ha alzato per Markieff. Westbrook ha giocato la sua miglior partita in stagione, con 36 punti, 9 rimbalzi e 9 assist. Gerald Green ha siglato un nuovo career high con 41 punti (12/22 dal campo, 8/13 da tre e 9/11 dalla lunetta).

DISFATTA LAKERS – Per i Lakers, è la peggior sconfitta della loro storia. Hanno perso 94-142 in casa contro i Los Angeles Clippers, un risultato incredibile anche per una squadra in difficoltà come i gialloviola. Per i Clippers, si tratta della miglior vittoria esterna di sempre e non totalizzavano un punteggio così alto in una singola partita dal 1998. Non c’è molto da aggiungere, se non la frase di D’Antoni: «Hanno sentito l’odore del sangue nell’acqua e ci hanno uccisi». Il miglior marcatore è stato Darren Collison, autore di 24 punti in 29 minuti. Per il resto, Doc Rivers ha potuto tenere sul parquet Blake Griffin e DeAndre Jordan per meno di 25 minuti a testa; Chris Paul ne ha giocati 26.