Duncan immortale, Leonard il nuovo che avanza: gli Spurs s’impongono sui Cavs

(AP Photo/Bahram Mark Sobhani)SAN ANTONIO SPURS (51-16) – CLEVELAND CAVALIERS (22-44) 119-113
Nonostante le assenze di Tony Parker e Kyrie Irving, gli attacchi delle due squadre hanno girato molto bene: ad avere la meglio sono stati gli Spurs che, trascinati da 30 punti, 12 rimbalzi e 5 stoppate di Tim Duncan, hanno tirato con il 58% dal campo e si sono imposti per 119-113 sui Cavaliers. Fondamentale anche l’apporto di Kawhi Leonard, autore di 24 punti e 13 rimbalzi, che ha contribuito al dominio sotto i tabelloni (43-29 il conto delle carambole) dei padroni di casa. Cleveland ha comunque dato filo da torcere ai più quotati avversari, comandando di 7 all’intervallo e mettendo nuovamente la testa avanti a 5 minuti dalla fine. Il miglior marcatore ospite è stato Wayne Ellington, che in uscita dalla panchina ha contribuito con 4 bombe per un totale di 21 punti.

Al di là delle prestazioni dei singoli, gli Spurs hanno costruito il loro successo sull’ottima circolazione di palla, ormai loro marchio di fabbrica: hanno smazzato ben 32 assist, aggiornando il record a 13-0 quando ne servono almeno 30. Sul 102-103, firmato da un layup di Ellington al 37’, gli Spurs hanno spostato l’inerzia dalla loro parte: Duncan e Leonard hanno segnato due canestri a testa, ispirando un parziale di 9-0 che è valso il +8 a 3’ dalla fine. San Antonio ha gestito bene gli ultimi possessi e portato a casa la vittoria.

Spurs: Leonard 24 pt e 13 rim, Duncan 30 pt e 12 rim, Splitter 10 pt, Green 8 pt, Joseph 7 pt, Neal, Ginobili 14 pt e 10 ass, Diaw 8 pt, Jackson 5 pt, De Colo 11 pt, Blair 2 pt.
Cavaliers: Gee 15 pt, Thompson 8 pt, Zeller 6 pt, Waiter 15 pt, Livingston 16 pt, Walton 3 pt, Ellington 21 pt, Miles 8 pt, Speights 19 pt, Gibson 2 pt.