Gli eroi improbabili dei Mavs, il “must-win” dei Suns, la carica dei Grizzlies: benvenuti ad Ovest!

Un vero e proprio spareggio per i playoffs, spesso richiede grandi prestazioni di eroi improbabili. Mavericks-Suns non ha fatto eccezione: tra la partita della vita di Monta Ellis e la mostruosa stoppata in un momento cruciale di Brandan Wright, Dallas ha avuto la meglio in una partita combattutissima per 101-98. Grazie a questo successo, i texani sono sicuri di tornare a disputare la post-season dopo un anno di assenza, mentre Phoenix adesso dovrà affrontare la classica sfida “must-win” contro i Grizzlies per sperare ancora di finire all’ottavo posto della Western Conference.

In un incontro dall’intensità di una gara playoffs, Ellis ha sfoderato un season-high da 37 punti con 15/23 dal campo, mentre Dirk Nowitzki si è regalato una serata di “normale amministrazione” con 23 punti (8/15), 8 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperi ed 1 stoppata. Adesso i Mavericks avranno a disposizione ben tre giorni, prima di scendere nuovamente in campo per la loro ultima partita di regular season: nel caso in cui dovessero avere la meglio sui Grizzlies, non solo si assicurerebbero la settima posizione, che vorrebbe dire sfidare al primo turno i Thunder (con cui Dallas è 2-1 in stagione), ma riaprirebbe anche la corsa all’ottavo posto.

Invece, nel caso in cui Memphis dovesse battere sia i Lakers che i Suns, con un successo su Dallas poi condannerebbe quest’ultima alla sfida nella post-season con gli Spurs (e qui il bilancio è di 4-0 in favore di San Antonio). Per quanto riguarda i Suns, adesso hanno bisogno di un po’ di fortuna per tenere vivi i loro sogni di playoffs: innanzitutto devono vincere entrambi gli incontri rimasti contro Grizzlies e Kings e sperare che Memphis perda almeno una delle partite con Lakers o Mavericks. Il caso più probabile per Phoenix è che faccia 2/2 e che Memphis perda con Dallas: di conseguenza Dragic e compagni si guadagnerebbero il diritto di sfidare gli Spurs nel primo round della post-season.

In ogni caso, la competizione per l’ultimo posto valido per i playoffs ad Ovest è tutt’altro che finita. Da una parte ci sono i Girzzlies: esperienza nei playoffs, veterani carichi, sani e vogliosi di esserci dopo una stagione piena di infortuni e situazioni sfortunate. Dall’altra ci sono i Suns: pronosticati come una delle peggiori squadre, hanno affascinato l’intera NBA con il loro sistema di gioco che valorizza tutti gli elementi, senza l’infortunio di Bledsoe forse a quest’ora già stavano brindando ai playoffs. Nel frattempo i Mavericks vogliono consolidare il settimo posto, che sarebbe un capolavoro dopo una bella stagione passata un po’ sottobanco: eppure stiamo parlando della terza squadra per efficienza offensiva e la quinta per assist, ovvero di una squadra che si lascia guardare eccome nella metà campo offensiva.

[yop_poll id=”14″]