I Lakers ne fanno 51 in un quarto: è record!

Ieri, nella loro stagione desolante, i Los Angeles Lakers hanno visto per una giornata la luce. A parte il fatto che è stata la seconda vittoria consecutiva per Nick Young e soci, ma soprattutto sono 51 punti realizzati nel terzo quarto contro New York, record di franchigia. Una partita che i Lakers, alla fine, hanno chiuso per 127 – 96.

Le percentuali di tiro della squadra sono molto alte, quasi fantascientifiche, a partire dal 57% al tiro e il 64.3% da tre punti; cinque giocatori in doppia cifra, di cui tre sono della panchina. Tra i titolari, Kaman con 13 e Meeks con 14, mentre Kendall Marshall arriva a 9 assist. In panchina, continua la “Nick–Sanity”, con 20 punti di Young, mentre Xavier Henry realizza 22 punti e Bazemore 18. Il tutto senza Gasol, Kobe e Nash…

La prestazione dei Lakers è tra le migliori di un team nel terzo quarto, seconda solo ai 59 punti di Warriors – Kings, realizzati da Golden State, il 4 marzo 1989. Il massimo in un quarto in generale, invece, fu realizzato dai Buffalo Braves nel 1972 a Boston. Allora furono 58. Complimenti a Los Angeles, quindi, per non aver sfigurato almeno un giorno.

Dall’altra parte, vale da sé l’immagine che ha pubblicato ESPN sulla home page, con il facepalm di Raymond Felton. Nonostante quasi tutto il quintetto sia andato in doppia cifra (escluso proprio Ray), e con Anthony autore di 29 punti, la panchina ha realizzato solo 4 punti. Per i Knicks non è il massimo della felicità: dopo otto vittorie consecutive, sono alla seconda sconfitta di fila e a tre partite di distanza da Atlanta, per poter acciuffare l’ultimo posto ai playoff. Il parere dell’ex di turno, il presidente Phil? “Terribile. Quando ne prendi 51, devi cominciare a preoccuparti”.