NBA Playoffs: che spettacolo Harden, ma non basta contro i Thunder. Anche Spurs e Pacers sul 2-0

Le vittorie esterne di Bulls e Warriors hanno scombinato le carte in tavola, ma non sono diventate certo una regola nei Playoffs 2013. Gli Houston Rockets giocano la miglior partita possibile sul campo degli Oklahoma City Thunder, ma sono costretti ad arrendersi nel finale alle triple di Durant e Sefolosha e ad un jump shot di Ibaka. Il mattatore della serata è stato James Harden, che in gara 1 aveva sofferto contro i suoi ex compagni, ma è esploso in tutto il suo talento nel secondo capitolo della serie: 36 punti (9/24 dal campo, 17/18 dalla lunetta), 11 rimbalzi e 6 assist. C’è preoccupazione in casa Rockets: Jeremy Lin non è rientrato in campo nel secondo tempo a causa di una contusione al torace ed è in dubbio per gara 3. 29 punti a testa per Durant e Westbrook con percentuali di tiro simili (10/25 il primo e 10/26 il secondo).

Se a Houston sono preoccupati per Lin, gli Indiana Pacers lo sono invece per Lance Stephenson. Nel primo quarto di gara 2 contro gli Atlanta Hawks è uscito per un problema all’anca; nel secondo tempo è per la verità rientrato, pur giocando solo qualche spezzone di partita. La serie sembra che non sia mai iniziata: i Pacers non hanno fatto alcuna fatica a sconfiggere per due volte gli avversari, tra l’altro con ampio margine. Paul George, dopo la tripla-doppia di gara 1, ha segnato 27 punti in aggiunta a 8 rimbalzi. Indiana ha tirato con il 40% da tre (10/25) e ha vinto per 47-41 la lotta a rimbalzo.

Anche senza Kobe Bryant, c’era chi si aspettava di più da questi Los Angeles Lakers, finora totalmente messi a tacere dai San Antonio Spurs. Dopo il -12 di gara 1, i gialloviola fanno leggermente meglio, perdendo solo di 11. Ma è chiaro che dovranno cambiare completamente intensità e mentalità se vogliono sperare di poter stravolgere la situazione allo Staples Center. Innanzitutto c’è da studiare un modo per fermare Tony Parker, che ha potuto segnare 28 punti contro Steve Nash. Poi, nonostante il rientro per i Lakers di Jordan Hill, ci vorrebbe un maggior apporto da parte della second unit, annichilita da quella di San Antonio: il solo Bonner ha avuto +29 di plus/minus, mentre nei 19’ con Ginobili il campo gli Spurs hanno avuto un +19.

RISULTATI:

Oklahoma City Thunder (1) 105-102 Houston Rockets (8) – 2-0

Indiana Pacers (3) 113-98 Atlanta Hawks (6) – 2-0

San Antonio Spurs (2) 102-91 Los Angeles Lakers (7) – 2-0

Photo: philstar.com