Pre-season NBA: ancora niente esordio per Datome, Bosh superstar, sorpresa Casspi

DETROIT PISTONS – MIAMI HEAT 107-112
Ancora niente esordio per Gigi Datome, alle prese con un problema muscolare. Per gli Heat, invece, si rivede Dwyane Wade, che dopo aver saltato la prima di pre-season, stanotte ha giocato 21 minuti, mettendo a referto 8 punti e 4 assist nella vittoria per 107-112 in quel di Detroit. Se LeBron James si è fermato a 9 punti e 7 assist, a farla da padrone è stato Chris Bosh, autore di ben 28 punti. Positiva anche la prova di Michael Beasley, che ha segnato tutti i suoi 9 punti sul finire del terzo quarto, permettendo a Miami di prendere il largo (79-89). Per i Pistons, privi anche di Brandon Jannings e Rodney Stuckey, non sono bastati i 28 punti di Will Bynum ed i 21 con 11 rimbalzi di Andre Drummond.

INDIANA PACERS – HOUSTON ROCKETS 96-116
Nella prima partita di pre-season nelle Filippine, James Harden con 21 punti e 4 assist ha guidato i Rockets alla netta vittoria sui Pacers. Ancora una volta Omri Casspi ha dimostrato di essere un’arma preziosissima in uscita dalla panchina, firmando una doppia-doppia da 17 punti e 10 rimbalzi. Dwight Howard si è fermato a soli 9 punti, a causa dei problemi di falli che ne hanno condizionato il match. Coach McHale ha avuto risposte positive anche dai vari Parsons (15 punti), Beverley (12 punti e 4 assist), Lin (14 punti, 6 rimbalzi e 5 assist) e Motiejunas (16 punti). Ad Indiana non sono bastati i 17 punti di Paul George ed i 14 di David West per evitare il ko.

MINNESOTA TIMBERWOLVES – MILWAUKEE BUCKS 98-89
Coach Adelman sarà molto soddisfatto di questo match, non tanto per il risultato, quanto per le risposte positive delle seconde linee, ampiamente impiegate al posto dei vari Rubio, Shved, Love e Pekovic. In particolare hanno impressionato il rookie Gorgui Dieng, autore di 6 punti, 9 rimbalzi e 4 stoppate, e Othyus Jeffers, che ha chiuso con 13 punti e 6 rimbalzi. Discreta prova anche di Shabazz Muhammad con 11 punti. Per i Bucks, che hanno pagato le 23 palle perse, da segnalare i 16 punti di John Henson ed i 13 di Caron Butler.

LOS ANGELES LAKERS – SACRAMENTO KINGS 86-104
Dopo tre quarti equilibrati, in cui ci sono stati ben 13 cambi al comando della gara, nell’ultimo i Kings hanno preso il sopravvento con un parziale di 3-14, ispirato dal rookie Ben McLemore (12 punti). Ai Lakers, che hanno avuto troppo poco dalla panchina, non sono bastati i 19 punti di Jodie Meeks, mentre Pau Gasol e Chris Kaman si sono fermati rispettivamente a 13 e 12 punti. Non ha giocato nel secondo tempo Steve Nash, dolorante ad una caviglia. I Kings possono sorridere per le positive prestazioni di Travis Outlaw (18 punti) e DeMarcus Cousins, in doppia-doppia con 16 punti e 12 rimbalzi.