Pre-season NBA: bene il Mago alla prima, esordio per Beli, Davis pronto a dominare?

BOSTON CELTICS – NEW YORK KNICKS 102-103
Tim Hardaway Jr. non ci ha messo molto tempo ad ambientarsi nei pro. Il rookie ha segnato 10 dei suoi 16 punti nell’ultimo quarto, compreso il game winner a pochi secondi dalla fine che ha permesso ai Knicks di battere per 103-102 i Celtics. Bene all’esordio anche Andrea Bargnani che, partito in quintetto, ha giocato quasi 19’ mettendo a referto 12 punti, 3 rimbalzi e 1 assist. Il top scorer dell’incontro è stato Iman Shumpert, che in uscita dalla panchina ne ha messi 18, mentre il nuovo acquisto Metta World Peace è arrivato a quota 13 con 4 rimbalzi e 3 assist. Per i Celtics, bravi a non mollare sul -23 ed a rendere il match interessante fino alla fine nonostante l’assenza di Rajon Rondo, da segnare i 13 punti di Phil Pressey ed i 12 a testa di Avery Bradley e Chris Babb (quest’ultimo li ha realizzati tutti nella frazione finale).

SAN ANTONIO SPURS – CSKA MOSCA 95-93 dopo un OT
Dopo aver battuto i T-Wolves, il CSKA rischia il colpaccio anche in Texas, dove costringe gli Spurs ad un overtime dopo una grande rimonta nell’ultimo quarto, in cui ha fatto registrare un parziale di 8-23. C’è da dire che Popovich ha concesso pochi minuti alle sue stelle, che comunque hanno mostrato una buona forma: su tutti Manu Ginobili, partito in quarta in questa pre-season con una prestazione da 14 punti (1/1 da due, 3/3 da oltre l’arco, 3/3 dalla lunetta), 5 rimbalzi, 4 recuperi e 2 assist in soli 19’ di gioco. Tra le fila di San Antonio da segnalare l’esordio di Marco Belinelli, che in 18’ ha chiuso con 3 punti (1/3 dal campo), 2 rimbalzi e 1 assist. Per i russi ha disputato una gran partita Jeremy Pargo, in campo per oltre 40’, che ha messo a referto 20 punti, 6 rimbalzi e 5 assist.

TORONTO RAPTORS – MINNESOTA TIMBERWOLVES 89-101
Vincono i T-Wolves, che dopo aver concesso la bellezza di 37 punti agli avversari nel secondo quarto, hanno disputato un’ottima ripresa, imponendosi per 89-101. E’ apparso in buona forma Kevin Love, autore di 20 punti conditi da 9 rimbalzi, mentre Nikola Pekovic ha offerto la solita prestazione solida, fatta di 12 punti e 8 rimbalzi. Ai Raptors non sono bastati i 17 punti di DeMar DeRozan; l’ultimo arrivato Tyler Hansbrough ha avuto un buon impatto sul match, chiudendo con 9 punti e 7 rimbalzi.

ORLANDO MAGIC – NEW ORLEANS PELICANS 95-99
E’ vero che il pre-campionato conta fino ad un certo punto, ma Anthony Davis sta mostrando che è pronto a diventare uno dei migliori lunghi della lega dopo un anno di apprendimento. Stanotte ha segnato la bellezza di 29 punti, conditi da 9 rimbalzi e 4 stoppate, ed ha trascinato i Pelicans alla terza vittoria consecutiva in questa pre-season. Dopo essere andati sotto di 13, nell’ultimo quarto i Magic sono stati bravi a rientrare con un break di 11-0, ma negli ultimi 90 secondi New Orleans è stata perfetta dalla lunetta, portando a casa la vittoria. Per Olando da segnalare i 17 punti a testa di Tobias Harris e Nikola Vucevic.

MEMPHIS GRIZZLIES – DALLAS MAVERICKS 90-95
Torna a brillare la stella di Dirk Nowitzki, che segna 20 punti nella vittoria dei Mavericks, bravi a resistere nell’ultimo quarto al ritorno dei Grizzlies. Il tedescone in soli 23 minuti ha dato sfoggio di tutto il suo talento offensivo, tirando con 7/10 dal campo e segnando entrambe le triple tentate. Per Dallas in doppia cifra anche Vince Carter (12), Samuel Dalembert (11) e Monta Ellis (11 con 8 assist). A Memphis, priva dei vari Marc Gasol, Tony Allen, Tayshaun Prince, Quincy Pondexter e Kosta Koufos, non sono bastati gli 11 punti del rookie Nick Calathes e la gran prestazione di Jon Leuer, autore di 17 punti, 10 rimbalzi e 5 assist.

PORTLAND TRAIL BLAZERS – PHOENIX SUNS 98-104
Goran Dragic segna 19 punti in uscita dalla panchina ed i Suns resistono al ritorno dei Blazers nell’ultimo quarto, vincendo per 98-104. Bene anche Marcus Morris, autore di 15 punti, e Channing Frye: dopo aver saltato tutta l’ultima stagione per un problema al cuore, ha tirato con 5/6 dal campo, chiudendo con 14 punti. Per i Blazers non sono bastati i 19 punti di Damian Lillard ed i 14 di Allen Crabbe. Dalle due facce il match di Thomas Robinson: ha messo a referto 7 punti e 6 rimbalzi in soli 13’, ma poi si è fatto cacciare fuori nel secondo quarto per una gomitata.