Pre-season NBA: forfait Rose e Rio delusa, prima W di Boston contro Bargnani, ancora niente Datome

HOUSTON ROCKETS – INDIANA PACERS 107-98
Stavolta i Rockets si spostano a Taipei, e davanti alla sua gente Jeremy Lin non poteva non fare bella figura: per lui 17 punti (6/8 dal tiro), 4 assist e 4 recuperi. Il top scorer del match però è stato ancora una volta James Harden, autore di 21 punti, mentre Dwight Howard si è fermato a 10 punti e 6 rimbalzi. Si conferma su ottimi livelli in uscita dalla panchina Omri Casspi, che potrebbe essere una delle piacevoli sorprese della stagione: Per lui 13 punti e 9 rimbalzi. Ai Pacers, che hanno passato tutta la gara ad inseguire, non sono bastati i 19 punti di Paul George ed i 17 di George Hill. Dalla panchina positivi i contributi di CJ Watson (14 punti) e Chris Copeland (9), mentre Danny Granger ha dato segnali di ripresa con 15 punti e 9 rimbalzi.

BOSTON CELTICS – NEW YORK KNICKS 111-81
I Celtics ottengono la prima vittoria della loro pre-season, asfaltando i Knicks in un incontro poco attendibile, dato che coach Woodson ha lasciato a casa tanti titolari, tra i quali spiccano Anthony, Chandler e Felton. Boston ha dominato fin dalla palla a due e nella vittoria a farsi notare in positivo è stato soprattutto Kelly Olynyk, rookie su cui i verdi puntano molto, autore di 15 punti e 6 rimbalzi. Avery Bradley e Jordan Crawford hanno segnato 13 punti a testa, mentre Jared Sullinger ha toccato quota 12 con 5 rimbalzi. Per i Knicks il miglior marcatore è stato Ike Diogu con 21 punti, a cui ha aggiunto 8 rimbalzi. Ancora in doppia cifra Andrea Bargnani (11 punti), nonostante una serata al tiro poco positiva (2/8, anche se è arrivata la prima tripla in maglia Knicks).

BROOKLYN NETS – DETROIT PISTONS 98-99
Procede a rilento l’integrazione di Paul Pierce e Kevin Garnett, che anche stanotte hanno giocato poco senza convincere particolarmente. In generale, i Nets non sono piaciuti in difesa, dove hanno concesso ben 50 punti dal pitturato contro i 32 segnati. Non a caso Andre Drummond è stato decisivo per i Pistons con 15 punti, mentre il rookie Kentavious Caldwell-Pope è arrivato a quota 12. Molto positiva anche l’altra scelta dell’ultimo Draft, Tony Mitchell, autore di 10 punti e altrettanti rimbalzi. Tra le fila di Brooklyn, l’unico ad andare in doppia cifra è stato Andray Blatche con 14 punti.

WASHINGTON WIZARDS – CHICAGO BULLS 81-83
Grande delusione a Rio de Janeiro, dove i 13.635 spettatori presenti alla HSBC Arena desideravano ardentemente veder giocare Derrick Rose, tanto da invocarlo per quasi tutta la durata dell’incontro. Ed invece il playmaker è stato tenuto a riposo precauzionale per un dolore al ginocchio sinistro che era stato operato un anno fa. Nonostante la sua assenza, i Bulls sono rimasti imbattuti in questa pre-season grazie alla vittoria sui Wizards: top scorer Taj Gibson con 18 punti, bene anche Luol Deng con 14. Per Washington da segnalare i 16 punti di Bradley Beal ed i 15 di Martell Webster in uscita dalla panchina.

MINNESOTA TIMBERWOLVES – TORONTO RAPTORS 97-104
Kevin Love torna a giocare ai suoi altissimi livelli, mettendo a referto 28 punti e 11 rimbalzi in 28 minuti, ma i T-Wolves tirano con un misero 35% dal campo (a fronte del 50% avversario) e perdono ben 26 palloni, cedendo contro i Raptors per 97-104. Per gli ospiti gli unici ad andare in doppia cifra sono stati Austin Daye (12) e Tyler Hansbrough (11). Per Minnesota malissimo Ricky Rubio e Alexey Shved, che in due hanno collezionato un 0/11 dal campo.

MILWAUKEE BUCKS – CHARLOTTE BOBCATS 76-83
Jannero Pargo ha segnato 14 dei suoi 24 punti nell’ultimo quarto, aiutando i Bobcats a rimontare dal -21 e ad imporsi per 76-83 sui Bucks. Nei 12’ finali gli ospiti hanno piazzato un parzialone di 33-9, aprendo la frazione con un irreale 20-2 che ha ribaltato completamene il match. Per Charlotte pazzesca la prestazione a rimbalzo di Bismack Biyombo, che ne ha strappati addirittura 21, mentre per i padroni di casa non sono bastati i 18 punti di Caron Butler.

UTAH JAZZ – LOS ANGELES CLIPPERS 76-106
I Cluppers asfaltano a domicilio i Jazz con un’ottima prestazione del reparto lunghi: Byron Mullens ha segnato 15 punti, DeAndre Jordan 14 con 7 rimbalzi e Blake Griffin 12 nella vittoria per 74-106. Ai Jazz, che durante l’incontro hanno perso il rookie Trey Burke per un infortunio alle dita, non sono bastati i 13 punti e 8 rimbalzi di Richard Jafferson ed i 12 punti di Alec Burks. Los Angeles ha dominato dal primo all’ultimo minuto, ed ha ricevuto risposte positive anche dalla coppia di playmaker Paul-Collinson, che ha confezionato la bellezza di 20 assist, 10 a testa.