Pre-season NBA: Harden e Howard travolgono gli Spurs, vittoria allo scadere dei Pistons

SAN ANTONIO SPURS – HOUSTON ROCKETS 92-109
Contro gli Spurs privi di Manu Ginobili e Kawhi Leonard, tenuti a riposo in vista dell’esordio stagionale con i Grizzlies, i Rockets hanno vita facile grazie al duo Harden-Howard. Il primo ha trascinato i suoi con 22 punti e 11 assist, mentre il secondo ha contribuito con una solida doppia-doppia da 15 punti e 16 rimbalzi. Si conferma su buoni livelli anche Omri Casspi, autore di 16 punti in uscita dalla panchina. Per San Antonio da segnalare i 16 di Aron Baynes ed i 12 a testa di Danny Green e di un positivo Marco Belinelli.

CHARLOTTE BOBCATS – CLEVELAND CAVALIERS 105-92
Le quattro riserve a disposizione segnano la bellezza di 50 punti ed i Bobcats si impongono con merito sui Cavaliers, prima squadra in questa pre-season a segnare almeno 90 punti contro di loro. Il miglior marcatore è stato Jeffery Taylor con 20 punti, ottima anche la prestazione di Cody Zeller, autore di 13 punti e 8 rimbalzi. Dal quintetto Charlotte ha avuto anche 19 punti da Gerald Henderson, ma ha perso Michael Kidd-Gilchrist per un problema al ginocchio. Tra le fila di Cleveland da segnalare i 20 punti di Kyrie Irving in soli 27’.

DETROIT PISTONS – MINNESOTA TIMBERWOLVES 99-98
Con una tripla allo scadere di Josh Smith, autore di 20 punti, i Pistons hanno battuto i T-Wolves nella loro ultima uscita di pre-season. Il layup di J.J. Barea sembrava aver deciso l’incontro, dando a Minnie due punti di vantaggio con soli 3 secondi sul cronometro, ma Smith ha infilato il canestro da oltre l’arco che ha ribaltato tutto sulla sirena. Greg Monroe e Will Bynum hanno segnato 17 punti a testa, mentre Andre Drummond ha fornito una prestazione monstre a rimbalzo, prendendone ben 20. Tra le fila dei T-Wolves, da segnalare la doppia-doppia di Kevin Love (19 punti e 10 rimbalzi) ed i 18 punti di Kevin Martin.

GOLDEN STATE WARRIORS – PORTLAND TRAIL BLAZERS 74-90
Si chiude con una sconfitta la dura pre-season dei Warriors, impegnati anche in due partite in Cina durante questo mese. Tra le mura amiche, Golden State ha ceduto il passo ai Blazers, trascinati dai 21 punti di Damian Lillard e dalla doppia-doppia di LaMarcus Aldridge (16 punti e 12 rimbalzi). I Warriors erano avanti di 11 all’inizio del terzo quarto, ma poi hanno subito 22 punti consecutivi da Portland, che ha preso in mano le redini dell’incontro senza più mollarle. Non sono bastati i 17 punti e 6 assist di Steph Curry ed i 16 punti di Klay Thompson.