Pre-season NBA: buona prova del Beli, Farmar trascina i Lakers, Thunder ko senza Durant

SAN ANTONIO SPURS – ORLANDO MAGIC 123-101
Vittoria mai in discussione, quella degli Spurs sui Magic, che si sono trovati a rincorrere fin dalle prime battute, toccando addirittura il -33, prima di chiudere sul 123-101. Coach Popovich ha tenuto a riposo Tony Parker ed ha concesso pochi minuti sia a Manu Ginobili (12 punti e 4 assist) che a Tim Duncan (10 punti e 7 rimbalzi). Il miglior marcatore della serata è stato Patty Mills, insieme al rookie dei Magic Victor Oladipo, con 22 punti. Molto bene anche Kawhi Leonard (19) e Marco Belinelli, autore di 16 punti e 2 assist in 19’ di gioco.

LOS ANGELES LAKERS – UTAH JAZZ 108-94
Al ritorno dalla Cina, i Lakers battono agevolmente i Jazz tra le proprie mura: il trascinatore è stato Jordan Farmar, che ha segnato 13 dei suoi 20 punti nell’ultimo quarto, chiudendo i conti. Dopo i primi 12’ condotti da Utah, che ha toccato anche il +12, è salito in cattedra Wesley Johnson (14 punti e 6 assist), che ha permesso a LA di ribaltare le sorti del match. Per i Jazz da segnalare l’ottima prova di Brian Cook, autore di 18 punti, mentre Derrick Favors, fresco dell’estensione del contratto (guadagnerà 49 milioni in 4 anni), ha sbagliato 5 dei suoi primi 6 tiri, chiudendo poi con 10 punti e 13 rimbalzi.

PHOENIX SUNS – OKLAHOMA CITY THUNDER 88-76
Kevin Durant, Nick Collison e Derek Fisher si prendono una serata di riposo ed i Thunder cadono a Phoenix. 88-76 il finale di un match in cui ha brillare è stato Gerald Green, autore di 15 punti e alcune giocate di pregevole fattura. Per i Suns, che hanno lasciato fuori Goran Dragovic alle prese con un problema alla caviglia, bene anche Eric Bledsoe (15) e PJ Tucker (13), positivo l’impatto in uscita dalla panchina di Channing Frye, che ha contribuito con 12 punti. Ad Oklahoma non è bastata la prova da 18 punti e 4 assist di Reggie Jackson.

ATLANTA HAWKS – INDIANA PACERS 89-107
David West ha messo a referto 24 punti e 7 rimbalzi, Paul George ne ha messi 17 e Luis Scola ha fatto intravedere perché i Pacers sono ancora più pericolosi con la sua aggiunta in uscita dalla panchina: l’argentino, infatti, ha segnato 16 dei suoi 20 punti nell’ultimo quarto, consentendo ai suoi di sbarazzarsi degli Hawks. A quest’ultimi non sono bastate le buone prove di Jeff Teague, autore di 17 punti e 8 assist, e di Al Horford, che ha contribuito con 12 punti e 7 rimbalzi. Fermo ai box per la seconda consecutiva Danny Granger: sarà un caso, ma da quando si è fatto male, i Pacers hanno vinto le loro prime due partite di pre-season, dopo averne perse 5 in fila.

DETROIT PISTONS – WASHINGTON WIZARDS 99-96
Dopo aver dominato il primo tempo grazie ad una pioggia di triple, i Pistons nella ripresa si sono fatti rimontare poco alla volta dai Wizards, che a metà dell’ultimo quarto sono riusciti ad impattare a quota 83 grazie ad un jumper di Kevin Seraphin (14 punti e 10 rimbalzi). Nel finale, però, le bombe di Kyle Singler e di Chaunchey Billups hanno dato il successo a Detroit. Il miglior marcatore è stato Greg Monroe con 18 punti, da segnalare la solida prestazione di Andre Drummond, autore di 9 punti e 14 rimbalzi. Per Washington bene Bradley Beal, i cui 17 punti non sono bastati per evitare il ko.