Si ferma a 127 la striscia di Kyle Korver: chi potrà insidiare il suo record?

Le ultime settimane per gli Hawks non sono state affatto facili, dato che hanno perso 11 delle 12 partite disputate. L’unica cosa che confortava i tifosi era la terrificante striscia da record di Kyle Korver, che era arrivato a 127 partite consecutive. Stanotte Atlanta non è praticamente mai stata in partita ed è stata asfaltata da Portland per 102-78. Nel secondo tempo, quando ormai il risultato era già scontato, tutta l’attenzione si è spostata su Korver, che fino a quel momento era 0/5 da oltre l’arco. Coach Mike Budenholzer ha panchinato Kyle all’inizio dell’ultimo quarto e non lo ha più inserito, dato che ha schierato le seconde linee. Korver, però, non deve averla presa benissimo, dato che se n’è stato seduto in panchina con un muso lunghissimo che lasciava assolutamente intendere il suo umore abbastanza nero.

L’ala degli Hawks ha superato Dana Barros ad inizio stagione ed ha aggiunto ben 38 partite con almeno una tripla a referto al suo record, allungandolo fino a 127. L’ultima volta prima di stanotte in cui Korver non era riuscito a mandare a bersaglio un tiro da oltre l’arco è stato il 2 novembre 2012, quando ha fatto il suo esordio con gli Hawks nella sconfitta a Houston.

Ora che la striscia di Kyle si è interrotta, chi sarà il prossimo giocatore nella NBA a provare ad insidiare il suo record? Al momento nella lista dei tiratori con almeno una striscia aperta il più pericoloso è sicuramente Stephen Curry, che è uno che di triple e di record se ne intende. Di sicuro non potrà superare Korver in questa stagione, dato che al momento è a 50 partite consecutive con almeno una tripla a bersaglio, ma la stella dei Warriors ha tutte le tre componenti necessarie per provare a far tremare il record di Kyle: ha una tecnica di tiro sublime; gioca tanti minuti tutte le sere; la palla è praticamente sempre nelle sue mani.