NCAA Season Preview: i giocatori più divertenti

Siamo tornati con la terza e penultima Top 5 di questa preview della prossima stagione NCAA! Abbiamo parlato dei migliori giocatori in circolazione (clicca QUI per leggere l’articolo) e dei migliori freshmen (clicca QUI per leggere l’articolo) ma chi ha detto che vale la pena vedere la NCAA solo per i super talenti con un futuro già scritto in NBA? Nel campionato collegiale americano ci sono anche tanti giocatori divertentissimi e totalmente folli, fuori e dentro il campo, quindi oggi andremo a scoprire i cinque (7 per essere precisi) ragazzi che a mio avviso meritano di essere guardati almeno una volta per la loro abilità di rendere interessante e entusiasmante qualsiasi partita, anche la più scontata.

TOP 5: I GIOCATORI PIU’ DIVERTENTI

Marshall Henderson, Guardia, Senior, Ole Miss Rebels
Marshall HendersonComincia a Utah, si trasferisce a Texas Tech dove non gioca nemmeno una gara, riscrive la storia a South Plains Junior College e solo l’anno scorso arriva a Ole Miss, dopo una carriera così turbolenta è normale che uno come lui abbia voglia di dimostrare di poter spaccare il mondo. Nonostante mezzi fisici normalissimi Henderson è capace di ridicolizzare gli avversari in ogni modo segnando da ogni posizione ma è la personalità il suo vero punto forte anche se è stata per lui un problema dato che, ad esempio, sarà sospeso per tre partite di regular season per aver violato le regole della squadra e per aver fatto uso di marijuana. Vi piacciono gli antieroi? Avete sempre sperato che il Gatto Silvestro riuscisse a mangiare Titti e che Wile E. Coyote catturasse Beep Beep? Allora non potrete non amare questo ragazzo. Dimenticavo di dire una cosa, mi piange il cuore a vedere il suo profilo Twitter inattivo da Luglio, mi mancano le sue perle di saggezza come il #WhiteGirlWednesday.

C.J. Fair, Ala Grande, Senior, Syracuse Orange
C.J. FairUn giocatore straordinario e molto sottovalutato che sarebbe potuto tranquillamente entrare nella prima Top5, quella dedicata ai migliori giocatori di tutta la NCAA. Fair è atletico da far paura, un discreto stoppatore, un gran buon rimbalzista oltre che un validissimo tiratore da tre punti ma provate solo a farlo ricevere in situazione dinamica e dovrete stropicciarvi gli occhi per un po’ di tempo dato che in queste situazioni lui va fino al ferro e schiaccia, non importa se davanti ha la più piccola guardia in NCAA o il centro più possente. Nonostante non abbia un fisico impressionante gli piace sentire il contatto col difensore mentre schiaccia e in ogni caso è sempre lui ad avere la meglio, un sintomo di potenza quasi illegale che gli garantisce il soprannome di C.J. (Un)Fair. Non pensate che questo ragazzo sia solo un animale da highlights perché si tratta di un giocatore vero e quest’anno più che mai dovrà dimostrarlo per rimediare alle partenze di Southerland, Triche e Carter-Williams.

Jahii Carson, Playmaker, Sophomore, Arizona State Sun Devils
092320130317pb PNI1105-spt asu bkcCome con Fair, anche in questo caso parliamo di un giocatore vero e completo dotato di un talento che gli permette di essere considerato come uno dei migliori playmaker della NCAA e come un giocatore da tenere sott’occhio in vista del prossimo Draft. Carson è semplicemente elettrizzante, ha una velocità da centometrista anche con la palla tra le mani, un ball-handling da streetballer, una capacità di segnare in penetrazione iversoniana ed è pure un super schiacciatore, specie per essere un giocatore di 175 centimetri. Carson è anche il miglior rimbalzista sotto i 190 centimetri che abbia mai visto infatti il numero 1 di Arizona State va a rimbalzo con una convinzione mai vista contro qualsiasi avversario. Come se non bastasse ha spesso intuizioni geniali come passatore ma talvolta è talmente sicuro di sé che finisce per perdere palla, questo però succede anche perché gioca al doppio della velocità rispetto ai compagni.

Tyler Haws, Guardia, Junior, Brigham Young Cougars
Tyler HawsPoteva mancare in questa classifica una guardia più bianca del latte e nata in Belgio da un ex giocatore proprio di BYU? Ovviamente no! Haws è un realizzatore pazzesco in grado di far rivedere negli occhi dei tifosi di BYU le gloriose immagini di Jimmer Fredette. La cosa bella è che Haws al fianco di Fredette ci aveva giocato, e pure molto bene, quando era freshman nel 2010 ma ha poi deciso di andare nelle Filippine per due anni in una spedizione missionaria come fanno quasi tutti gli atleti di BYU, ecco perché è un junior pur essendo classe 1991. Haws l’anno scorso, la stagione del ritorno sui campi, ha tenuto una media di 21.7 punti a partita segnando da ogni posizione possibile e soprattutto ha potuto finalmente passare un’estate dedicata al basket, ecco perché da lui mi aspetto tantissimo, una sorta di Jimmer-Mania 2.0.

Cezar Guerrero, Playmaker, Sophomore, Fresno State Bulldogs
Cezar GuerreroQuesto ragazzo incantava chiunque a livello liceale ma a Oklahoma State ha avuto un primo anno mediocre per alcuni problemi di ambientamento, ecco perché ha deciso di tornare nella sua California in cui potrà anche aiutare la madre afflitta da alcuni problemi di salute così come la sorella incinta. Nonostante sia stato un anno fermo per la solita legge del transfer sono certo che potrà tornare il giocatore che mi stregò alcuni anni fa e che ha mostrato solo in parte di poter essere ai Cowboys, un giocatore dotato di un fantastico ball-handling, ottima velocità, un clamoroso cambio di direzione e ottime abilità da passatore. Quasi certamente non riuscirà a trasformare i Bulldogs in una potenza ma di certo saprà entusiasmare il suo pubblico.

Honorable Mention: Le’Bryan Nash, Ala Piccola, Junior, Oklahoma State Cowboys
lebryan-nashGiocatore dotato di un potenziale da stella NBA ma che non si è ancora espresso al meglio e per questo iniziano a nascere i primi dubbi su quanto sia effettivamente talentuoso questo ragazzo che dovrà davvero dare il massimo in quello che è l’anno della verità per lui. Su una cosa non c’è dubbio, è uno dei saltatori più impressionanti e uno degli schiacciatori più folli che abbia mai visto, se gioca Oklahoma State impostate la registrazione perché qualcosa da ricordare la combina sicuro.

Brett Comer, Playmaker, Junior, Florida Gulf Coast Eagles
Brett ComerLa menzione d’onore per il playmaker campione statale in Florida ai tempi del liceo insieme a Austin Rivers era obbligatoria anche solo per la cavalcata di FGCU nell’ultimo Torneo NCAA. Ora Sherwood Brown gioca in Israele e coach Andy Enfield è andato a USC ma FGCU resta e resterà “Dunk City” nei cuori di tutti e mi aspetto che questa attitudine alla spettacolo continui anche e soprattutto attraverso gli alley-oop lanciati da Comer.

Foto copertina di gazzettenet.com