Torneo NCAA, Elite Eight: UConn alla terza F4 in 5 anni, i freshman di Kentucky già nella storia!

SHABAZZ NAPIER E KEVIN OLLIE. UCONN ALLA TERZA FINAL FOUR IN CINQUE ANNI – EAST

La strana coppia. Shabazz Napier e Kevin Ollie trascinano UConn ad una Final Four francamente impensabile ad inizio stagione. Lo fanno eliminando una Michigan State, tanto forte quanto sottotono, per via della mancanza di coralità che ha da sempre contraddistinto le squadre di Tom Izzo. Solo uno strepitoso Gary Harris da 22 punti ha infatti tenuto gli Spartans in partita fino all’ultimo, nonostante le spaventose mancanze di Keith Appling e Branden Dawson, e agli eccessi di Adreian Payne, troppo ostinato dal perimetro, e poco volentieroso di battagliare dentro l’area. Sono proprio i punti in area, insieme ai tiri liberi, ad aver fatto la differenza in questa durissima battaglia. UConn parte alla grande, ma una sfuriata di Gary Harris, e due triple di Denzel Valentine, permettono alla squadra di Izzo di realizzare una rimonta da brividi nel primo tempo, terminando 21-25, dopo aver ottenuto il primo vantaggio della partita sul 21-22. Sembra francamente il preludio di una vittoria Spartans, ma lo stesso Valentine ed il disastroso Appling, che chiude malissimo la sua carriera universitaria, perdono palloni su palloni, permettendo al certosino Napier, e ai suoi scudieri Boatright e Daniels, di rientrare in partita nel momento di maggior difficoltà. Gli Huskies rimontano rapidamente il divario di 9 punti accumulato in apertura di secondo tempo, per poi mettere, in tre minuti di fuoco, un parziale di 14-5 che porta i ragazzi di Ollie sul +10, 49-39. Da quel momento in poi saranno i liberi a fare la differenza, UConn li tira divinamente, impedendo agli Spartans di riavvicinarsi minacciosamente, anche grazie ad una difesa arcigna che impedisce alla squadra di Izzo di entrare in area per segnare punti facili. Successo straordinario per la squadra di Ollie, che appena al secondo anno da capo allenatore, in una squadra tutt’altro che favorita, raggiunge una favolosa Final Four, trascinato da chi, una Finale NCAA l’ha vinta con Kemba Walker, ovvero Shabazz Napier, MVP della partita e della stagione.

UNA TRIPLA DI HARRISON METTE KO MICHIGAN, KENTUCKY ALLE FINAL FOUR – MIDWEST

Kentucky e tutti i suoi freshman sono pronti a volare alle Final Four. Il viaggio è gentilmente offerto da una pazzesca tripla di Aaron Harrison a 2 secondi dal termine che ha permesso ai Wildcats (8) di imporsi per 75-72 su Michigan (2) e di conquistare la loro 16esima Final Four. Harrison ha messo a referto tutti i suoi 12 punti da oltre l’arco e negli ultimi 8 minuti, quindi era ovvio che il tiro più importante della partita passasse tra le sue mani. Kentucky è la prima squadra con un quintetto interamente composto da giocatori al primo anno ad arrivare alle Final Four dal 1992, quando a riuscirci furono i Fab Five di Michigan. I Wildcats se la vedranno sabato prossimo contro Wisconsin per continuare a sognare il nono titolo nazionale della storia della scuola. Dopo le grosse difficoltà incontrate all’inizio del 2014, quasi nessuno credeva in Kentucky, ma coach Calipari ha svolto un ottimo lavoro in avvicinamento al Torneo e per la seconda partita consecutiva ha trovato un Harrison ispirato, che ha segnato il canestro decisivo. I Wildcats tra l’altro sono la prima squadra a battere i campioni in carica e la runner-up nello stesso Torneo. Da segnalare l’ennesima doppia-doppia di Julius Randle, che ha chiuso con 16 punti e 11 rimbalzi: un altro passo verso il Draft, in ottica del quale sta acquisendo sempre più considerazione, viste le ottime cose che sta facendo vedere al Torneo.