Non chiamatele minors: Brescia inarrestabile in Gold, spettacolo e punteggi alti in Silver

Terza giornata nei campionati di LNP, e con essa torna la nostra rubrica che si focalizza su ciò che di meglio è emerso da tutto il panorama “minore” dei campionati italiani. Da segnalare in Lega Gold l’inarrestabile marcia di Brescia, che si sbarazza anche dell’altrettanto quotata Barcellona, e la netta vittoria di Biella su Torino nel derby piemontese dopo che i padroni di casa avevano iniziato con una brutta sconfitta la loro stagione. In Silver invece continua a stupire il Basket Nord Barese, matricola della categoria, che va ad imporsi anche sul difficilissimo campo di Agrigento, oltre alla bella vittoria dell’altra debuttante Ravenna sempre trascinata dall’italo americano Sollazzo. Nei campionati più di secondo piano invece cade ancora la Fortitudo, sconfitta di 12 a Mortara, mentre l’altra grande storica in DNB, il Don Bosco Livorno vince nettamente su Piombino. Ma direi di non attendere oltre e di tuffarci come al solito nei nostri focus su Gold e Silver.

Lega Gold

Miglior partita: Centrale del Latte Brescia – Sigma Barcellona 74 – 70

Come già accennato Brescia sembra non avere rivali in questo primo scorcio di campionato. La truppa guidata in panchina da Alberto Martelossi infatti si impone anche contro quella che era alla vigilia la sua più accreditata rivale e strappa un successo molto convincente. Se anche Fabio Di Bella riesce ad esprimersi sui propri reali livelli e tira via la ruggine delle prime partite (ieri 15 punti con 5 rimbalzi e 4 assist) davvero non ce n’è più per nessuno. La compagine lombarda è una squadra organizzata, con gerarchie ben precise, e non servono necessariamente 25 punti del Giddens o dello Slay di turno perché porti a casa la vittoria, e forse questa è la sua vera forza. Dall’altra parte per Barcellona comunque una gara convincente, nella quale gli uomini di Perdichizzi hanno lottato fino in fondo e solo per poco non sono riusciti a portare via due punti dal San Filippo. Continua a stupire Andre Collins, questa volta autore di 26 punti, non tanto perché si dubitasse della sua qualità, quanto perché qualcuno poteva pensare che con il passare degli anni non potesse più essere quel giocatore così incisivo come lo era stato soprattutto a Ferrara, ma evidentemente per il piccolo play ex Virtus Bologna il tempo sembra essersi fermato.

Miglior quintetto: Fabio Di Bella (Brescia, 15 punti, 5 rimbalzi, 4 assist), Adam Voskuil (Biella, 22 punti, 3 rimbalzi), Davide Pascolo (Trento, 22 punti, 16 rimbalzi), Will Harris (Trieste, 14 punti, 13 rimbalzi), Mason Rocca (Jesi, 13 punti, 10 rimbalzi)

Risultati: Biella-Torino 81-61, Brescia-Barcellona 74-70, Napoli-Imola 85-55, Casale-Capo D’Orlando 70-59, Trapani-Veroli 83-77, Jesi-Forlì 61-60, Trieste-Verona 79-77, Ferentino-Trento 64-95

Lega Silver

Miglior partita: Enegan Firenze – Dinamica Mantova 84 – 86

Prima di tutto lasciatemi premettere che il campionato Silver ci sta regalando molte partite equilibrate, e questo turno non ha fatto eccezione, visto che diverse gare si sono concluse soltanto negli ultimi possessi, a sottolineare il fatto che l’equilibrio regna sovrano in questa LNP.

Firenze e Mantova sono due delle squadre che più stanno esprimendo del bel gioco, nonostante risultati altalenanti. Firenze in particolare è alla seconda sconfitta di fila, ma coach Gabriele Giordani non può che essere soddisfatto dei suoi, che anche oggi sono rimasti in partita per tutti i 40 minuti senza mai mollare, anche se ieri non sono bastati i 20 punti di Kyle Swanston e i 18 di Riccardo Castelli ad arginare una cinica Mantova, corsara grazie all’ennesima prova da dominatore di Johndre Jefferson, uno dei lunghi migliori di questo campionato e ancora una volta in doppia doppia con 19 punti e 14 rimbalzi. Da non dimenticare poi l’apporto fondamentale di Mike Nardi, anch’egli in doppia doppia con 10 punti e 10 assist. L’ex playmaker di Pavia è probabilmente uno dei migliori due o tre nel ruolo presenti in Silver, e grazie alla sua grande esperienza delle serie minori italiane può riuscire a portare Mantova al suo obiettivo: quello di una salvezza tranquilla. Fino a questo momento lo spettacolo non è mancato, né per i fiorentini né per i lombardi: entrambe le piazze possono stare certe che si divertiranno, in un’annata che finora sta dando più ragione ai secondi, ma anche i toscani (ospiti per una domenica al Pala Estra) hanno le carte in regola per centrare lo stesso obiettivo.

Miglior quintetto: Mike James (Omegna, 33 punti, 5 assist), Kevin Sowell (Roseto, 23 punti, 5 assist), Kyle Austin (Matera, 18 punti, 7 rimbalzi), Johndre Jefferson (Mantova, 19 punti, 14 rimbalzi), Matt Shaw (Chieti, 23 punti, 12 rimbalzi)

Risultati: Agrigento-Basket Nord Barese 88-92, Firenze-Mantova 84-86, Bari-Roseto 79-89, Ferrara-Omegna 83-89, Matera-Treviglio 78-69, Chieti-Reggio Calabria 68-60, Ravenna-Lucca 88-76, Casalpusterlengo-Recanati 74-72