San Antonio Spurs: gli attacchi del sergente Popovich

La stagione NBA è entrata nella sua fase cruciale: le finali di Conference sono l’anticamera per le Finals, in cui si assegnerà l’anello per il 2013. A Est, i MiamiHeat di Lebron James cercheranno di difendere il titolo conquistato lo scorso anno e per raggiungere la finalissima dovranno vedersela con gli Indiana Pacers, che hanno abbastanza a sorpresa eliminato i Knicks di Carmelo Anthony. Sulla costa Ovest si giocheranno il diritto di accedere all’atto finale della stagione i Memphis Grizzlies (che si sono imposti 4-1 su Oklahoma orfana di Westbrook) ed i San Antonio Spurs (4-2 contro gli Warriors del fantastico Stephen Curry), che hanno già dato inizio alla loro serie giocando gara 1, nella quale si sono nettamente imposti Duncan e soci per 105-83.

Vogliamo porre la nostra attenzione proprio sugli Spurs e sul loro attacco perfettamente disegnato da coach Greg Popovich. I texani fanno di attenzione e disciplina (quasi “militare”) il loro credo: coach Pop (allenatore NBA dell’anno nel 2003 e 2012) è riuscito a costruire un sistema di gioco offensivo dove stelle e gregari collaborano in grande sintonia per creare sempre tiri ad alta percentuale attraverso la perfetta esecuzione dei giochi ad alta velocità e la voglia di tutti i giocatori di giocare uno per l’altro. Nascono così:
– situazioni di transizione spesso concluse con lavoro di penetra-e-scarica e tiri aperti sul perimetro (soprattutto dagli angoli)
pick’n’roll (con palla nelle mani di Parker e Ginobili) in grado di creare buoni tiri nel pitturato ma anche tiri da 3 pt scaturiti punendo gli aiuti della difesa dentro l’area
esecuzioni di giochi (anche lunghi) ad obiettivo con isolamenti per 1c1 in pivot basso (Duncan) o per 1c1 degli esterni fronte a canestro
giocatori sempre in movimento per creare spaziature in attacco per sé e per i compagni e palla che gira e cambia lato vorticosamente utilizzando penetrazioni ed extrapass che mettono in grande difficoltà la difesa
giochi di uscita per gli esterni tiratori che possono creare però spazi per 1c1 dei lunghi dentro l’area.

Vediamo nello specifico qualche movimento proprio del playbook degli Spurs

SOLUZIONI DA ZIPPER

PARTENZA CON DOPPIO PICK’N’ROLL ALTO + PIVOT BASSO DUNCAN

ISOLAMENTO GINOBILI

Ginobili è stato spesso decisivo nei titoli vinti da San Antonio nel 2003, 2005, 2007 e lo è già stato in questi playoff nella serie contro Golden State. Popovich utilizza questa chiamata per lasciare a Manu un quarto di campo libero (clear out) per giocare 1c1, soprattutto utilizzando la mano sinistra.

L’eliminazione dei Lakers (complice anche l’infortunio di Kobe) proprio da parte dei nero argento e l’esclusione della favorita OKC, fanno degli Spurs i principali candidati alla vittoria della Western Conference.

Miami è avvisata: Popovich e i suoi sono a caccia del 5 anello!