Lo sapevate che... Rubriche

Michael Jordan e quella superstizione sui pantaloncini…

Nel corso della sua carriera, Michael Jordan ha sempre indossato due paia di pantaloncini. Sotto quello dei Chicago Bulls non è mai mancato quello blu risalente ai tempi di North Carolina, quando dominava la scena della pallacanestro collegiale. Dopo aver condotto i Tar Heels al titolo nazionale nel 1982, His Airness ha fortemente creduto che i pantaloncini con cui ha giocato allora siano stati fortunati e lo abbiano aiutato a raggiungere l’apice della NCAA.

Ed è così che è nata la più famosa superstizione nella storia della NBA. Una superstizione che tra l’altro ha anche cambiato in un certo qual modo lo stile della lega: per poter indossare il suo personalissimo portafortuna sotto l’uniforme dei Bulls, aveva ovviamente bisogno di pantaloncini più lunghi per poterlo coprire. Al giorno d’oggi, molte stelle della NBA neanche dietro pagamento tornerebbero ai calzoncini corti, che erano in voga prima che Jordan entrasse a far parte dei professionisti.

La cosa che probabilmente molti di voi non sanno è che questa superstizione di MJ è stata oggetto di studio da parte degli scienziati. Dei ricercatori dell’Università di Colonia, premettendo ovviamente che il suo straordinario talento, la sua etica del lavoro e la sua voglia di vincere centrano ben poco con i suoi pantaloncini, sono arrivati a questa conclusione: credendo che indossare i calzoncini di UNC gli portasse fortuna, Jordan avrebbe acquisito maggiore fiducia in se stesso (perché tanto la sorte era dalla sua parte) e questo l’avrebbe portato a fissarsi obiettivi sempre più alti e prestigiosi.