NBA Trivia: le prime scelte assolute che non hanno mai giocato in NBA

La prima scelta del Draft 2013, Anthony Bennett, è uno dei giocatori più discussi della stagione. Ha una delle medie punti più basse della storia per quanto riguarda la stagione da rookie di una prima scelta. Ma nella storia della NBA ci sono anche due giocatori, chiamati alla numero 1 del Draft, che non hanno mai calcato i parquet della lega. Entrambi fanno parte di un’epoca in cui il basket professionistico non forniva di certo le garanzie economiche che hanno oggi i giocatori che entrano a far parte dell’NBA. La prima scelta di sempre, Clifton McNeely, selezionato dai Pittsburgh Ironmen al Draft 1947 dell’allora BAA, decise di non diventare un giocatore professionista. Nella stagione 1946/1947, quando giocava per l’università di Texas Wesleyan, era stato il miglior marcatore della nazione. Invece di diventare un giocatore BAA, preferì accettare il posto di capo-allenatore della Pampa High School in Texas. È stato introdotto nella Texas High School Basketball Hall of Fame. La prima scelta di quattro anni dopo fu Gene Melchiorre, chiamato dai Baltimore Bullets dopo le sue quattro stagioni alla Bradley University. Il commissioner Maurice Podoloff lo squalificò a vita dalla NBA prima ancora che potesse iniziare a giocare. Il motivo? Melchiorre era stato coinvolto nel CCNY point shaving scandal. Ammise infatti di aver intascato tangenti per sistemare il risultato di alcune partite. Lo scandalo prese quel nome perché l’ateneo maggiormente coinvolto era il City College of New York (CCNY), che aveva vinto il torneo NCAA nel 1950.

(In foto, il City College of New York.)