Shoe Game: PEAK Team Lightning Tony Parker

Le Finali NBA sono partite a ritmi altissimi con la vittoria esterna degli Spurs e il grande protagonista di Gara-1 è stato Tony Parker che ha realizzato 21 punti, 6 assist e soprattutto il canestro decisivo negli ultimi secondi. Il franco-belga ai piedi aveva un paio di scarpe creato apposta per lui dal suo brand la PEAK, azienda con cui ha firmato a gennaio del 2013 dopo aver lasciato la Nike. Andiamo a scoprire le PEAK Team Lightning Tony Parker, ma prima un po’ di storia.

Peak Parker Lightning

Oltre ai soliti marchi come Nike, Adidas e Jordan abbiamo già imparato a conoscere brand importanti nel mondo del basket come Reebok e AND1 ma oggi andiamo alla scoperta di un’azienda abbastanza recente che ha sede in Cina: la PEAK. Il brand nasce nel 1989 ma ha da subito la volontà di diventare grande e in fretta, nel 1993 infatti sbarca sul mercato internazionale ma la svolta arriva nel 2005, anno in cui diventa lo sponsor del FIBA Europe All-Star Game e soprattutto diventa lo sponsor tecnico del palazzetto degli Houston Rockets in NBA. Da qui l’ascesa è veloce, nel 2006 viene firmato il contratto di sponsorizzazione con il primo atleta NBA Shane Battier e nel 2011 apre il nuovo quartier generale in terra americana, a Los Angeles. Oggi la PEAK (o PEAK Team) è il terzo brand dopo Nike e Adidas come numero di atleti sponsorizzati e conta nel suo team gente come Shane Battier, George Hill, Carl Landry, JaVale McGee, Sam Dalembert, Kyle Lowry, Gordon Hayward, Jason Richardson e fino a prima del ritiro anche Jason Kidd oltre che al simbolo del brand ovvero Tony Parker di cui oggi parliamo.

La tomaia è molto leggera e cosparsa di triangoli traspiranti che possono ricordare lontanamente quelli delle Nike Hyperfuse 2011, anche la linguetta è traspirante ma nonostante la leggerezza che contraddistingue la scarpa questo modello è tutt’altro che fragile, i rinforzi presenti sul tallone e sulla punta rendono, grazie allo loro doppia cucitura, le scarpe di TP9 molto resistenti ai cambi di direzione e all’usura. La suola abbastanza alta e la linea che raggiunge appena la caviglia permette a queste scarpe di adattarsi anche al cemento dei campetti oltre che renderle perfette anche per una corsetta serale. Ovviamente il tocco personale non può mancare: sul tallone infatti è presente il numero 9, da sempre sulle spalle del playmaker degli Spurs mentre sulla parte esterna della punta si può notare la firma di Tony Parker.

Le PEAK Team Lightning Tony Parker sono disponibili nei colori bianco, nero e in una terza versione bianco-nera con i dettagli oro (la versione argentata visibile nella terza foto è stata creata solo per l’All-Star Game di Parker e non è acquistabile) ovviamente su internet e nei negozi specializzati per una cifra che può variare dagli 85 ai 105 euro.

peak-team-lightning-tony-parker-shoes-2

peak-team-lightning-tony-parker-all-star-7