Basket Europeo Eurolega Mercato Serie A

Alla scoperta dei centri di Milano – Lawal e Cervi, supporting cast all’altezza?

L’Olimpia Milano ha ufficializzato gli accordi con Gani Lawal (annuale, con il centro passaportato nigeriano che ritorna a Milano dopo aver vinto lo Scudetto coi milanesi nella stagione ’13/’14) e con Riccardo Cervi (biennale con l’ex-Reggio), ma queste mosse lasciano molti interrogativi nella mente di tifosi e appassionati. Partendo da Lawal, i ritorni di fiamma sono sempre ben accetti se l’amore tra le parti è vero e sincero: ecco, l’amore tra Milano e l’ex-Pana non so quanto possa essere sincero, considerando che la società biancorossa, stando ai rumors e alle considerazioni fatte da tanti, si è aggiudicata le prestazioni del prodotto di Georgia Tech superando l’offerta che Sassari aveva proposto al giocatore. Inoltre, proprio Lawal fu “scaricato” da Milano, dopo la vittoria dello Scudetto, poiché non aveva dimostrato di poter essere un backup di livello per Samuels e non aveva potuto contribuire granché (esclusi gli exploit contro Bamberg, Olympiakos e Fenerbahce). Alla luce di tutto ciò, mi chiedo come sia possibile rifirmare un giocatore che solo due anni fa era stato bollato come inadeguato per i grandi palcoscenici e non aveva nemmeno mai potuto godere della completa fiducia del coach.

Tralasciando questa considerazione, Lawal come 2° centro è un lusso per il livello della Serie A, considerando che comunque l’atletismo e la verticalità del giocatore sono fuori discussione; peccato che, oltre a questi due lati positivi non ve ne siano altri, e la tecnica di base sia davvero a un basso livello: il suo gioco in post e spalle a canestro è inesistente, non ha tiro dalla media e/o piazzati, difensivamente abbocca al 95% delle finte avversarie, regalando punti comodi o spendendo falli inutili e non ha grandissime letture difensive sul pick&roll avversario. Allora, vi chiederete, come possa essere un lusso da backup del centro titolare nel nostro Campionato: ebbene, considerando che la verticalità e l’atletismo la fanno sempre più da padroni, relegando tecnica e uso del piede perno nel baratro dell’antichità (che assurdità!), Lawal può essere il centro in grado di spaccare le partite grazie a intensità e atletismo, essendo anche un giocatore che riesce ad entrare in trance agonistica dopo 2-3 azioni consecutive ben giocate o dopo qualche schiacciata/stoppata da highlights.

GANI LAWAL
Data di nascita 7 novembre 1988
Ruolo Centro
Altezza 205 cm
Peso 106 kg
College Georgia Tech (2007-2010)
Statistiche A1 Ethniki ’14/’15 4.0 ppg, 1.6 rpg, 76.5 %2P, 9.4 mpg
Statistiche Euroleague ‘14/’15 2.0 ppg, 1.7 rpg, 4.1 mpg

Passando a considerare l’innesto di Riccardo Cervi, bisogna subito considerare come il suo acquisto sia dettato dalla necessità di rispettare la quota di italiani da avere in squadra: prima della firma del centro ex-Reggio, Milano poteva contare su Cinciarini, Gentile, Cerella e, eventualmente, Amato o La Torre (difficile che entrambi possano essere inseriti nel roster della prossima stagione). Con l’arrivo di Cervi, pertanto, la quota italiani è perfettamente rispettata e ora il mercato biancorosso può concentrarsi sulla ricerca di un centro titolare o di un altro 4 atletico, nel caso in cui vi fosse la totale intenzione di far giocare McLean da 5 atipico (cosa che, tra l’altro, aveva fatto anche nella scorsa Euroleague con la maglia dell’Alba Berlino). A prescindere da tutto ciò, Cervi potrebbe vivere due diverse annate con la stessa maglia: in Italia potrebbe essere impiegato spesso e volentieri, specialmente se coach Repesa riuscisse a disciplinarlo tatticamente (specialmente nel bloccare, dove troppo spesso sconfina in falli in attacco o blocchi in movimento) e a farlo migliorare tecnicamente nel gioco in posto e spalle a canestro, mentre in Euroleague non vedo come possa andare oltre il ruolo di 3° centro, destinato a giocare i classici minuti di contorno in ogni match.

Che poi, a dirla tutta, il potenziale fisico sarebbe anche tutto dalla parte del buon Cervi, ma non sempre basta superare i 2.10m per essere un gran centro, capace di dominare. L’ultima intervista rilasciata da Repesa conferma la volontà del nuovo coach di aiutare Cervi in un percorso di crescita tecnico-tattica individuale, che possa permettere al lungo di scalare posizioni nelle gerarchie di squadra; a oggi, tuttavia, il prodotto di Reggio Emilia parte come 5° lungo e dovrà migliorare parecchio il suo gioco se vorrà evitare di passare dall’esser stato centro titolare di una squadra di Eurocup (considerando gli infortuni che avevano colpi i lunghi di Reggio all’inizio della scorsa stagione) all’essere una riserva destinata a guardarsi le partite, un po’ come faceva quel sant’uomo di Angelo Gigli, uno che a pallacanestro sa giocare eccome eppure non è mai entrato nelle rotazioni di coach Banchi.

RICCARDO CERVI
Data di nascita 19 giugno 1991
Ruolo Centro
Altezza 214 cm
Peso 110 kg
Giovanili Pallacanestro Reggiana
Statistiche Serie A ’14/’15 5.9 ppg, 3.9 rpg, 66.9 %2P, 1.4 bpg, 17.7 mpg
Statistiche Eurocup ‘14/’15 5.6 ppg, 4.3 rpg, 1.2 bpg, 21.1 mpg