Basket Europeo Eurolega Mercato Serie A

Alla scoperta di Milan Macvan, un grande talento in cerca di rilancio e consacrazione

Partizan vs Mega Beograd, 07.12.2014. foto: Nebojsa Parausic Kosarka, Partizan, Mega Leks, Jadranska liga, ABA, XYZ

L’acquisto di Milan Macvan è una sorpresa più che positiva per chi tifa Olimpia Milano, considerando che, nelle ultime stagioni, i biancorossi hanno sempre avuto grossi limiti nello spot di “ala grande”, con il solo Melli a dover tenere in piedi la baracca poiché si trovava sempre accoppiato con ex-giocatori (si vedano il Fotsis al 2° anno milanese, o Kleiza). La scelta del serbo stupisce e fa ben sperare, perché la 54° scelta del Draft 2011 è un giocatore di qualità e sostanza ed è sicuramente un discreto upgrade rispetto agli ultimi volti visti nel ruolo di 4 all’ombra della Madunina.

Macvan è un giocatore completo, che combina perfettamente le doti di rimbalzista con quelle di leader offensivo e di onesto difensore: non lasciatevi ingannare dalla sua stazza, perché ha dimostrato più volte di poter essere anche un giocatore con un atletismo e un’esplosività che non hanno nulla da invidiare a tanti altri giocatori in Europa. A rimbalzo sfrutta principalmente due caratteristiche, in cui eccelle particolarmente: 1) un senso della posizione fuori dal comune, poiché segue sempre l’azione del compagno che sta gestendo il possesso e contemporaneamente riesce a controllare il diretto avversario e 2) l’abilità nell’eseguire il taglia-fuori con costanza ed efficacia, spesso anche contro avversari ben più alti/grossi di lui (basti pensare a come Macvan abbia battagliato degnamente in questa stagione contro Marjanovic, centro di 221 cm che ha appena concluso un accordo con gli Spurs). Offensivamente, poi, è completo a 360°, sebbene preferisca giocare spalle a canestro o sfruttare il suo equilibrio e la sua capacità di assorbire i contatti in penetrazione; non è un tiratore completo (come si pensava potesse essere Kleiza), ma ha comunque una buona mano dalla media e lunga distanza, considerando anche che tra Euroleague ed Eurocup viaggia con poco più del 33% in carriera da 3 punti.

Difensivamente saprà rendere sicuramente meglio di Kleiza (praticamente scontato, direte voi, considerando che il lituano sembrava un passaggio a livello costantemente aperto), anche se potrebbe soffrire i 4 moderni, stile Trey Thompkins (ex-Clippers e Nizhny Novgorod) per intenderci; questo perché Macvan non ha più l’atletismo e la reattività che aveva qualche anno fa, a causa di una serie di infortuni che ne hanno limitato la possibile consacrazione definitiva ad altissimi livelli. Ecco, proprio questo potrebbe essere un punto interrogativo per la stagione milanese, poiché se il lungo dovesse trovare la miglior condizione fisica, senza patire alcun acciacco fisico, allora l’Olimpia avrebbe in squadra un giocatore devastante, capace di cambiare qualsiasi match con la sua intensità e la sua dedizione completa alla causa (forse non come quella dimostrata al Partizan in questa stagione, ma comunque è un giocatore che non ha paura di battagliare con chiunque in un parquet).

Inoltre, durante le poche partite disputate nella scorsa stagione di Eurocup con la maglia del Partizan Belgrado, Macvan ha dimostrato di poter essere anche un ottimo assistman (certo, non una point-forward come il Blake Griffin degli ultimi Playoffs NBA, o come l’Iguodala delle Finals tra Warriors e Cavs). Questo è un aspetto interessante, se consideriamo che, nella scorsa annata europea, la coppia Kleiza-Melli aveva combinato per 25 assist totali, mentre Macvan ne dispensava 23 in sole 6 partite di Eurocup. Chiaro, il paragone è forzato, però anche nel corso della scorsa stagione di Lega Adriatica (Liga ABA, la sigla con cui è conosciuta la competizione) viaggiò a 2.6 assist di media a partita, dimostrando di saper coinvolgere i compagni dopo aver lavorato bene in post e spalle a canestro. L’unica cosa che mi ha stupito negativamente, tuttavia, è stata la scelta di coach Djordjevic di non portare Macvan al prossimo Eurobasket nella selezione serba, poiché questo potrebbe indicare che non ha ancora ritrovato una buona condizione fisica oppure è ancora limitato dai postumi di qualche infortunio, considerando che il talento e la versatilità del giocatore sono fuori discussione.

MILAN MACVAN
Data di nascita 16 novembre 1989
Ruolo Ala grande
Altezza 206 cm
Peso 112 kg
NBA Draft 54° scelta al Draft 2011 (scelto dai Cavs)
Statistiche ABA ’14/’15 11.6 ppg, 7.6 rpg, 2.6 apg, 27.8 mpg
Statistiche Eurocup ‘14/’15 18 ppg, 8.7 rpg, 3.8 apg, 28.4 mpg

Photo Credit: macvanmilan.com