MY-Eurocup – Il cammino delle italiane nelle Top32 #3

Si chiude la terza giornata della seconda fase a gironi di Eurocup, con una sola soddisfazione che arriva dalla FoxTown Cantù. Continua il periodo nero, in campo continentale, per la Montepaschi Siena, mentre la Dinamo Sassari subisce un’imprevista sconfitta che complica il cammino verso le fasi finali. Ma andiamo con ordine.

GRUPPO I

 

 

FOXTOWN CANTÙ

PINAR KARSIYAKA 

 84

 55

La prima vittoria nel Gruppo I per la FoxTown Cantù è un’affermazione pesante, sia nel risultato che nel gioco espresso, sul proprio parquet contro i turchi del Karsiyaka di Izmir. I ragazzi guidati da coach Sacripanti creano il solco decisivo nel secondo quarto, in cui si danno decisamente da fare i vari Leunen, Abass e Rullo, per un parziale pazzesco di 15-0 che, di fatto, decide il match. Al rientro dagli spogliatoi i turchi provano a riaprire la partita con un altro parziale che dimezza il distacco da Cantù, la quale non perde la calma e soprattutto aumenta nuovamente il proprio divario, fino al +30 raggiunto all’inizio dell’ultimo quarto. I minuti finali rappresentano una passerella per i brianzoli, che chiudono sull’84-55 e ritrovano speranze di passaggio del turno.

CANTÙ: Gentile 15, Uter 11, Aradori 10.
KARSIYAKA: Dixon 13, Batista 11, Hersek 10.
Classifica gruppo

GRUPPO J

 

 

 BANCO DI SARDEGNA SASSARI

BCM GRAVELINES

79

 85

Brutta, invece, la sconfitta patita sul proprio parquet dalla Dinamo Sassari, che cade contro i francesi del Gravelines complicando il proprio cammino verso le fasi finali. L’inizio di gara sorride ai sardi, trascinati da Marques Green e Thomas, ma gli ospiti reagiscono e trovano addirittura il +10 nel secondo quarto, grazie a una vecchia conoscenza del nostro basket, Yakhouba Diawara. All’intervallo lungo si arriva con i francesi avanti di 5 lunghezze, ma all’uscita dagli spogliatoi parte meglio la Dinamo, con un Drake Diener stellare che riporta i suoi in vantaggio alle porte dell’ultimo periodo. Tuttavia, proprio gli ultimi dieci minuti sono da incubo per i ragazzi guidati da coach Sacchetti, che non segnano per sei minuti e consentono a Gravelines di prendere il largo, con Gray e Holland protagonisti; Drake Diener prova a suonare nuovamente la carica, ma è troppo tardi. Vincono i francesi per 85-79.

SASSARI: C. Green 25, D. Diener 22, Gordon 15.
GRAVELINES: Gray 28, Lewis 19, Holland 18.
Classifica gruppo

GRUPPO K

 MACCABI HAIFA

 MONTEPASCHI SIENA

 86

 66

Chiudiamo con Siena, che dice praticamente addio all’Europa con la terza sconfitta in altrettante gare: stavolta passa il Maccabi Haifa. Hunter e Kozikaro portano gli israeliani in vantaggio sin dai primi minuti, ma gli uomini di coach Crespi reagiscono, trascinati soprattutto da un Ortner in ottima forma e da un Hunter che chiuderà con 17 punti (7/12 dal campo per lui). Così, la Mens Sana va all’intervallo lungo in vantaggio di cinque punti, ma il terzo quarto sorride senza dubbio al Maccabi, che vola fino al +14 grazie all’ottima prestazione di Moran Roth e Donta Smith (rispettivamente 21 e 24 punti, entrambi con 6 assist). Siena sparisce dal campo, Carter e Haynes provano a riportarla in vita ma i toscani vanno addirittura sotto di 21 durante l’ultimo periodo. E il Maccabi vola verso una netta vittoria per 86-66, che consente agli israeliani di salire al secondo posto nel Gruppo K e toglie ogni chance di qualificazione alla Montepaschi.

HAIFA: Smith 24, Roth 21, Randle 16.
SIENA: Hunter 17, Haynes 11, Green 7.
Classifica gruppo

Sugli altri campi, prosegue il percorso netto di Nanterre (Gruppo I) e Khimki Mosca (Gruppo K), che sconfiggono rispettivamente Ulm e Nymburk mantenendo la leadership e l’imbattibilità nei rispettivi raggruppamenti. Vittorie nette per la Stella Rossa e il Bizkaia Bilbao nel Gruppo L, in cui la situazione si fa complicata con serbi e baschi che agganciano Novgorod in testa con un record di 2-1. Nel Gruppo M è l’Hapoel Migdal a volare con 3 vittorie su 3 match, mentre le altre squadre (Budivelnik, Olimpija Lubiana e Banvit), fermi a un record di 1-2, mentre la situazione del Gruppo O è lo stesso di quello L, con Valencia, Unics Kazan e Ostenda tutte in testa con due vittorie. Il Besiktas ha praticamente vinto il Gruppo P, avendo conquistato la vittoria in tutte e le tre le prime gare, con CAI Zaragoza, Lietuvos Rytas, Cedevita Zagabria ferme a una vittoria e due ko.