MY-F8 2017: Macvan fa impazzire Milano – è Semifinale

Secondo Quarto di Finale di queste Final Eight da brividi, per lo meno per l’Olimpia Milano. A togliere le castagne dal fuoco ci pensa Milan Macvan con il tap-in che vale la Semifinale dopo una partita incredibile da ambo le parti. Brindisi ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, mentre l’Olimpia ha vissuto di fiammate e conquista una qualificazione sudando le fatidiche sette camice. L’ala serba è il giocatore della provvidenza per una squadra che rischia moltissimo e concede non poco ai pugliesi.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO CANTINE DUE PALME BRINDISI
77
75

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

10 – I punti realizzati da Rakim Sanders nel primo quarto della sfida contro Brindisi. L’ala statunitense è perfetta da oltre l’arco (3/3) e si dimostra giocatore tremendamente cresciuto in catch-and-shoot, aspetto del gioco in cui, a Sassari, difettava non poco. Milano riesce a correre benissimo in transizione e a trovare lo scarico per Sanders con una facilità imbarazzante, anche perché la squadra di coach Sacchetti concede davvero troppo sia sul perimetro che nel pitturato. Sanders si conferma giocatore devastante quando riesce a trovare ritmo offensivo dal primo possesso, anche perché surclassa fisicamente ogni diretto avversario.

6 – Le perse di Milano nel primo tempo. Da tempo l’Olimpia non riusciva a contenere i turnover, eppure questo non è bastato per scavare un solco importante già nella prima metà di partita. Ciò è dovuto anche al 3/10 da tre punti – l’unico a realizzare dalla lunga distanza, per i biancorossi, è Rakim Sanders – e dall’ottimo lavoro a rimbalzo offensivo dei pugliesi nel secondo quarto. Se l’Olimpia riesce a limitare i turnover, il problema si palesa comunque dalla lunetta, poiché il 6/14 non è degno di una squadra che può contare su quantità e qualità così ampie.

44 – I punti realizzati da Brindisi nel primo tempo. I pugliesi, dopo un primo quarto di sofferenza, hanno trovato le contromisure difensive a un’Olimpia abulica senza il suo faro Rakim Sanders. Le triple degli esterni e il talento di Amath M’Baye hanno fatto la differenza per la squadra di coach Sacchetti nella seconda frazione del match. Milano, invece, si è fermata, palesando uno dei suoi soliti cali dopo aver iniziato nel migliore dei modi questo Quarto di Finale. Da sottolineare le giocate di un Nic Moore che continua ad essere particolarmente ispirato in questo periodo di stagione, dando continuità alle ottime prestazioni offerte in Serie A.

11 – La valutazione di Daniel Donzelli a fine terzo quarto. Il talento italiano è decisamente dentro la partita e riesce ad essere utile sia in fase difensiva (3 recuperi difensivi) sia in fase offensiva (100% al tiro e 1 assist). Potenzialmente è un giocatore dai margini di miglioramento incredibili e mette a referto una delle migliori prestazioni stagionali per intensità e qualità, specie delle giocate offensive (l’assist per la schiacciata di Carter Robert è un qualcosa da vedere e rivedere, non solo per la bellezza del gesto tecnico ma anche per la perfetta sincronia di movimenti con il proprio lungo).

1 – Il canestro che vale la Semifinale: è il tap-in di Milan Macvan su errore di Rakim Sanders. Il serbo si fa perdonare il 0/2 dalla lunetta con una giocata fondamentale. La giocata va vista e rivista al replay poiché si tratta di questione di centesimi di secondo, ma il canestro sembra buono e fa gioire tutto il pubblico di Milano accorso in quel di Rimini. Certo, se l’Olimpia avanza al secondo turno deve ringraziare unicamente il serbo: Macvan prima realizza la tripla del sorpasso a meno di un minuto dalla fine, dopo che Milano si era trovata a rincorrere i pugliesi. Poi sbaglia i due liberi derivanti da fallo sistematico di Brindisi dopo che lo stesso serbo aveva conquistato un rimbalzo d’importanza capitale. Il canestro finale, però, è pura estesa per tutti quei tifosi biancorossi che sembravano non crederci più.

@ Centro Fieristico – Rimini (RN)
TABELLINO COMPLETO

MILANO NUMERI DELLA PARTITA BRINDISI
 14 – McLean  PUNTI tre giocatori – 15
 7 – McLean, Macvan  RIMBALZI M’Baye – 9
 7 – Kalnietis ASSIST Moore – 4
 / – nessun giocatore  STOPPATE M’Baye – 2
 18 – Kalnietis  VALUTAZIONE M’Baye – 22