Fortitudo, parla la Fossa: non ci interessa la categoria, vogliamo tornare in curva

“Il nostro obiettivo è partire e tornare a fine estate a rioccupare la curva per poter tifare Fortitudo. Tutto il resto è azzerato”. Si può riassumere così la conferenza stampa che questa mattina la Fossa dei Leoni ha organizzato per chiarire la sua posizione sugli ultimi importanti eventi in casa biancoblu.

Dopo tre anni di polemiche, in cui non si è riconosciuto in nessuna delle squadre nate dalle ceneri della Effe, il tifo organizzato è pronto a sostenere completamente il nuovo progetto di rinascita della storica Fortitudo Pallacanestro, che tornerà a calcare i parquet italiani dalla prossima stagione. L’unica condizione che la Fossa ha posto è che Giulio Romagnoli, proprietario di quella che era la Biancoblu Bologna, il cui titolo è stato ceduto al Napoli Basket, non abbia cariche nella nuova società, che deve essere composta da persone serie, credibili ed affidabili: l’imprenditore ha accettato di uscire di scena e quindi da parte dei tifosi c’è tutto l’interesse e la voglia di appoggiare il progetto.

Uno dei nodi da sciogliere, oltre a quello economico, è legato alla categoria in cui giocherà la nuova Fortitudo: probabilmente la scalata dovrà iniziare dai bassifondi, ovvero dalla C regionale, a meno che la moria di squadre nelle categorie superiori non dovesse spalancare le porte della Lega Silver. Ma comunque per la Fossa “non è importante da dover si riparte, la categoria non ci interessa: vogliamo solo rientrare nella nostra curva”. In conclusione, si può dire che da oggi, 11 maggio 2013, riparte la storia della Fortitudo e della Fossa dei Leoni.