I piani di Virtus e Fortitudo: rilancio di basket city?

Gli appassionati bolognesi sono stati abituati per anni a grandi risultati delle proprie squadre, ma in questa stagione è stato toccato uno dei punti più bassi della cosiddetta “basket city”. La Virtus ha vissuto un’annata abbastanza anonima, in cui è stata apprezzata più nella versione “gite enogastronomiche” che in quella di inizio anno. La Biancoblu, invece, ha disputato un discreto campionato di Legadue, ma il suicidio sportivo nell’ultima giornata è costata a Pecile e compagni la qualificazione ai playoff. Adesso entrambe le società hanno tempo per programmare come si deve il rilancio della Bologna cestistica.

Per le V nere è già iniziato un processo di profondo cambiamento: tutto è scaturito dalle dimissioni dal ruolo di amministratore delegato di Claudio Sabatini, che pur essendo rimasto all’interno della Fondazione, ha dato il via ad una serie di nuove nomine gradite al popolo bianconero. Innanzitutto, è stato assegnato il ruolo di presidente ad un vero uomo di sport, nonché simbolo della Virtus, Renato Villalta. Piergiorgio Bottai è stato promosso ad AD, mentre per il direttore sportivo il nome caldo è quello di Bruno Arrigoni, uno degli artefici della scalata di Cantù. Arrigoni ha ancora un anno di contratto con i brianzoli, ma l’interesse delle V nere è molto forte e ci sono buone probabilità di arrivare ad un accordo.

Nel frattempo, la Biancoblu non resta a guardare: Giulio Romagnoli si sarebbe deciso a fare un passo indietro ed a riprendere il nome Fortitudo per cercare di riportare al PalaDozza il tifo organizzato, che non si riconosce in questa squadra, nata dalla fusione con Ferrara. Inoltre, il proprietario della Biancoblu sta pensando ad una mossa strategica: assegnare il ruolo di presidente ad una figura nota della pallacanestro fortitudina. Il nome caldo è quello di Gregor Fucka, visto al palazzo domenica, in occasione del roccambolesco match perso con Ferentino. Una volta sciolto il nodo del nome con cui la squadra scenderà in campo nella prossima stagione, si passerà al budget, per il quale si auspicano nuovi ingressi in società, e di conseguenza all’allestimento del roster.