L’analisi – Serie A, 14a giornata: colpo di Milano a Sassari, in testa vincono tutte. F8, in 4 per gli ultimi 2 posti

Primo turno di campionato del 2014, ma anche penultimo di andata, decisivo per la definizione della griglia delle Final Eight. Il terzetto di testa, a quota 20, è quello Brindisi-Cantù-Siena. I brianzoli, nell’anticipo, grazie a intensità difensiva e ai 19 di Gentile e 18 di Uter vincono contro la Reggio Emilia di Bell e Kaukenas, ma anche contro la grave assenza di Cusin e all’opaca prestazione di Ragland e Aradori. Brindisi strappa al supplementare una partita tutt’altro che scontata, in cui va sotto anche di 16 sul campo di Pesaro; Siena esce invece dalla crisi battendo Varese, con un’ottima prestazione del nuovo arrivato Haynes (24 punti, 6 assist e 28 di valutazione). A nulla serve un eroico Banks, per altro scavigliatosi nel terzo periodo, dopo aver guidato la rimonta varesina. A metà della griglia Milano e Sassari, con la prima che espugna il campo dei sardi e li raggiunge a quota 18, nel big match di giornata che analizzato sotto. Roma cede bruscamente contro la strapotenza di Smith (32 punti, 12 rimbalzi e 33 di valutazione), regalando a Venezia l’ultimo posto disponibile in queste virtuali prime 8. Pari con Venezia, ma fuori dalle prime 8 per motivi matematici, Avellino, vincente con Montegranaro, e Bologna, in fase involutiva e sconfitta a Pistoia nel finale infuocato di sabato sera.  Torna infine alla vittoria Cremona contro Caserta.

LA PARTITA

1241 1242

BANCO DI SARDEGNA SASSARI

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO

69

74

Una bella partita quella andata in scena al PalaSerradimigni, che fa riflettere sugli equilibri del nostro campionato. Milano, quella di Langford e ora anche di Hackett, porta a casa una vittoria meritata, grazie a superiorità tecnica e a possibilità maggiori di soluzioni offensive e difensive. Sassari la mette sulla bagarre e sul talento –a volte estemporaneo-, ma questo è il suo gioco, che funziona meglio se a condurlo c’è Travis Diener, stasera a meno di mezzo regime. Milano inizia mettendola sul fisico –quello di Hackett, contro quello dell’oggi titolare (ed ex) Marques Green. Sono 4 punti del primo, ma Sassari riesce a correre e dimostra di voler lottare con un bel 7-0 di contro-break. Milano tira male nel primo tempo (2/12 da tre), ma tiene bene in difesa e rallenta il gioco sassarese. In crisi offensiva Sassari sfodera un quintetto basso, in cui spicca il solito Drake Diener (10 nel solo secondo quarto), ma che deve concedere qualcosa a Melli (ottima prestazione, con 9 punti nello stesso secondo periodo). Il primo tempo si chiude con un duello, quello fra Langford e Diener, che fa registrare 5 punti bellissimi consecutivi del primo, annullati dalla pazzesca tripla a fil di sirena della guardia sassarese: solo +2 per Milano all’intervallo. Caleb Green (10 nel quarto) fa ripartire forte i suoi, con un 5-0 di transizione e realizzazione. Il talento di Langford e la bellissima stoppata+canestro di Moss costringono al timeout Sacchetti. L’impressione è che sia Milano (e Langford in particolare) a fare la partita, mentre Sassari, come a fine primo tempo, può metterci solo una pezza: così Sacchetti a fine quarto, che con una tripla chiude la frazione. Sembrano però cambiare le cose all’inizio degli ultimi 10 minuti: Devecchi accende il pubblico da 3, Milano si impalla con Gentile, Drake punisce di tabella da 3. Da qui la svolta: timeout Banchi, Hackett-Langford-Moss come esterni, sotto Wallace e Melli: tutti fanno cose fondamentali. Moss pareggia, Langford domina, Wallace mette una gran tripla, Melli prende un bel rimbalzo offensivo e capitalizza. Diener forza, Caleb Green ci prova, ma Milano è più completa, e rischia di essere seriamente dominante.

Tabellini
Sassari:
M. Green 2, Fernandez ne, C. Green 18, Devecchi 5, t. Diener 2, Johnson 8, Sacchetti 8, D. Diener 18, Vanuzzo, Tessitori ne, Thomas 8, all. Sacchetti
Milano: Gentile 2, Gigli ne, Cerella, Melli 16, Hackett 11, Kangur, Langford 24, Samuels ne, Wallace 6, Lawal 6, Moss 10, Jerrels ne., all. Banchi

BANCO DI SARDEGNA SASSARI

NUMERI DELLA PARTITA

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO

18 – D. Diener, C. Green

PUNTI

24 – Langford
5 – C. Green, Sacchetti

RIMBALZI

10 – Wallace
6 – M. Green

ASSIST

4 – Hackett
23 – C. Green

VALUTAZIONE

23 – Langford


RISULTATI e CLASSIFICA

Giorgio Tesi Group Pistoia – Granarolo Bologna 80-79
Acqua Vitasnella Cantù – Grissin Bon Reggio Emilia 73-65
Vanoli Cremona – Pasta Reggia Caserta 69-64
Montepaschi Siena – Cimberio Varese 87-79
Sidigas Avellino – Sutor Montegranaro 103-92
Victoria Libertas Pesaro – Enel Brindisi 86-91
Acea Roma – Umana Venezia 87-92
Banco di Sardegna Sassari – EA7 Emporio Armani Milano 69-75
ENEL Brindisi 20 SIDIGAS Avellino 14
ACQUA VITASNELLA Cantù 20 GRANAROLO Bologna 14
MONTEPASCHI Siena 20 GIORGIO TESI GROUP Pistoia 12
ACEA Roma 18 PASTA REGGIA Caserta 12
EA7 EMPORIO ARMANI Milano 18 CIMBERIO Varese 12
BANCO DI SARDEGNA Sassari 18 SUTOR Montegranaro 8
GRISSIN BON Reggio Emilia 14 VANOLI Cremona 6
UMANA Venezia 14 VICTORIA LIBERTAS Pesaro 4

FOTO: KEITH LANGFORD, DI ALESSIA DONISELLI