MY-F8 2017: Stipcevic fa impazzire la Dinamo

Seconda Semifinale che, come la prima, vive d’intensità fino all’ultimo istante. Brescia getta il cuore oltre l’ostacolo e le difficoltà – Luca Vitali e Burns non sono al meglio della condizione – ma Stipcevic gioca un ultimo quarto praticamente perfetto e consente alla Dinamo Sassari di accedere alla Finale contro l’Olimpia Milano.

BANCO DI SARDEGNA SASSARI GERMANI BASKET BRESCIA
77
70

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

1 – Il solo assist smazzato da Luca Vitali nel primo quarto della sfida contro la Dinamo. Togliere il playmaker dai giochi è una scelta che paga, anche perché Brescia vive molto delle fiammate della sua mente pensante, che peraltro non è al cento per cento fisicamente. Disinnescare il pick&roll bresciano è una soluzione che Sassari vuole eseguire alla perfezione, anche perché molti dei possessi biancoblu passano proprio dal gioco a due tra Vitali e il lungo di turno. Vedere Vitali a un solo assist in tutto il primo quarto fa riflettere non poco sulla scelta difensiva dei sardi e su come la Leonessa ha iniziato il primo quarto: troppo contratta, forse un po’ timorosa, salvo poi riprendersi ampiamente.

5 – I liberi segnati da Michele Vitali solamente nella seconda frazione, a fronte di 5 tentativi. La guardia italiana è fondamentale anche in un periodo nel quale non riesce proprio a trovare la via del canestro, se non a cronometro fermo. Rientra nei cinque numeri del match perché mette in campo cattiveria agonistica e ottime letture, come sul rimbalzo offensivo che porta alla tripla da distanza siderale di Bushati, che vale il +5 provvisorio al 18° minuto (29-34). Vitali è una presenza ovunque, soprattutto a rimbalzo, anche perché riesce a non farsi scoraggiare dai risultati al tiro e continua ad essere concentrato: anche dalle sue giocate deriva il parziale di 11-24 con cui Brescia chiude la seconda frazione.

26.7 – La percentuale da tre punti dei sardi nel primo tempo. La squadra di coach Pasquini ricerca molto la soluzione da oltre l’arco (15 tentativi) eppure sembra avere un po’ le polveri bagnate proprio in quei giocatori che, solitamente, riescono ad essere fondamentali anche dalla lunga distanza. Non è solo la percentuale da tre punti che serve a spiegare lo svantaggio di 6 lunghezze con cui i sardi vanno al riposo: nel secondo quarto, la Dinamo sembra soffrire una sorta di crisi d’identità su ambo le fasi, tanto da permettere a Brescia di trovare fiducia in quelle piccole cose che, in una manifestazione tirata come si è rivelata questa Coppa Italia, fanno la differenza.

4 – I falli commessi da Christian Burns alla fine del terzo quarto, peraltro in soli undici minuti di utilizzo effettivo. Il lungo ha problemi fisici e lo si vede scaldarsi continuamente anche quando è in panchina; problemi che ne limitano l’impatto, specialmente offensivo, in un match in cui Brescia avrebbe davvero bisogno del miglior Burns per poter battagliare contro i lunghi della Dinamo. Il mancato apporto di Burns pesa moltissimo, anche perché Berggren, pur partendo in quintetto, non riesce nemmeno lui ad incidere come ci si sarebbe aspettati.

3 – Le giocate che decidono questa Semifinale: a metterle a referto è sempre Rok Stipcevic. Prima il croato trova un fallo di David Moss – quinto personale per l’ex-Milano – che frutta tre liberi, dei quali però solamente due vengono trasformati. Poi piazza la tripla che vale il +4 in favore dei sardi a 2 minuti e 9 secondi dalla fine del match (71-67). Da queste due giocate Brescia non riesce più a rialzarsi, nonostante una competizione disputata ben al di sopra delle aspettative; Stipcevic esagera solamente nella tripla forzata che avrebbe potuto definitivamente chiudere la contesa, ma i lombardi non ne approfittano sulla transizione seguente. Nella pallacanestro, però, chi mette il canestro della vittoria ha sempre ragione: e guarda caso la tripla che chiude il match la realizza proprio Stipcevic su un grande assist di Lacey a 7 secondi dalla fine.

@ Centro Fieristico – Rimini (RN)
TABELLINO COMPLETO

SASSARI NUMERI DELLA PARTITA BRESCIA
 15 – Lacey  PUNTI Landry – 20
 8 – Lacey  RIMBALZI Moore – 8
 4 – Lacey ASSIST L. Vitali – 8
 / – nessun giocatore  STOPPATE Berggren – 1
 26 – Lacey  VALUTAZIONE Landry – 18