News Serie A

Playoff Serie A – Gentile apre, Kalnietis continua e Sanders chiude: Milano è 2-0

Rakim Sanders (EA7 Emporio Armani Milano) durante la finale della BEKO Final Eight 2016 fra EA7 Emporio Armani Milano e Sidigas Avellino.Basket - Milano 21/02/2016 - Stefano Gariboldi/Newphotopress © All Rights Reserved

Milano sfrutta al meglio le proprie individualità per portare a casa anche il secondo atto della Finale contro una Reggio Emilia che tira benissimo dalla lunga distanza e prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo nonostante le assenze e i problemi di falli per alcuni giocatori chiave. L’Olimpia vede, a turno, Gentile, Kalnietis e Lafayette salire in cattedra nei momenti topici del match, prima che Sanders decida di esprimere tutto il suo potenziale offensivo nell’ultima frazione (7 punti per l’ex-Sassari negli ultimi 10′ di gioco). Reggio trova risposte importanti dal solito Della Valle e da un De Nicolao molto caldo in fase di realizzazione, ma paga a rimbalzo e commette troppi turnover per sperare in un colpo esterno.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO GRISSIN BON REGGIO EMILIA
94
73
SERIE 2-0

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

9 – I punti realizzati da Alessandro Gentile nel primo quarto di questa Gara-2, con il capitano biancorosso che gioca poco più di metà frazione ma è semplicemente incontenibile quando decide di attaccare il ferro ed è preciso anche dalla linea della carità (3/3 ai liberi nella prima frazione). In un primo quarto atipico – Milano tira solamente 8 volte, trovando però ben 15 possibilità da tiro libero – Gentile mette in mostra il meglio di sé, attaccando sistematicamente il mismatch e dimostrando una condizione fisica in netta ripresa rispetto alle ultime uscite nella Semifinale contro Venezia. Il problema, per i padroni di casa, è che Della Valle trova 12 punti (4/4 al tiro) nella stessa frazione, permettendo a Reggio Emilia di chiudere avanti di una lunghezza.

75 – La percentuale da tre punti con cui Reggio Emilia chiude il primo tempo, frutto di un 6/8 di squadra che dice molto sulla qualità dei tiri costruiti dagli ospiti; è vero che Della Valle forza dal palleggio – seppur prendendosi tiri che è in grado di realizzare in qualunque situazione di gioco – è altrettanto vero che la squadra di coach Menetti trova sempre l’uomo più libero sul perimetro per soluzioni con tanto spazio tra il realizzatore e il diretto marcatore difensivo. La soluzione dalla lunga distanza è una chiave importante per gli ospiti, considerando le difficoltà incontrate contro un Batista fattore anche a recupero difensivo, seppur limitato dai falli, che chiude bene l’area e non concede facili conclusioni dopo il pick&roll.

22 – Le perse complessive delle due squadre nei primi 20′ di partita, con la sola differenza che Milano mette a referto anche 8 recuperi, mentre Reggio Emilia ne trova solamente 3. La differenza nei recuperi sta nel fatto che l’Olimpia riesce a trasformare i recuperi difensivi in transizioni veloci e in superiorità numerica in cui, anche nel caso dovesse arrivare un errore, si palesa comunque una plus a rimbalzo offensivo che permette di riciclare il possesso e trovare punti da seconda chance.

2 – Le triple di Amedeo Della Valle che chiudono la terza frazione e mettono un freno al tentativo di allungo da parte dei padroni di casa. Milano, infatti, aveva sfruttato bene gli errori dei reggiani e le chiamate arbitrali per scavare un piccolo solco, ma le due triple consecutive del talento italiano hanno spezzato il ritmo dei milanesi, permettendo a Reggio Emilia di riportarsi a contatto. Clamorosa la capacità di costruirsi triple dal palleggio e di essere efficace anche sugli scarichi, in uscita dai blocchi e in catch-and-shoot da qualsiasi posizione; tutte caratteristiche che confermano le potenzialità di un giocatore che Milano vuole fortemente mettere sotto contratto.

26 – La valutazione di Rakim Sanders, con l’ala statunitense che porta a termine il lavoro cominciato da Gentile e proseguito da Kalnietis, almeno in fase di realizzazione. L’ex-Sassari è semplicemente incontenibile quando va in post-basso o decide di attaccare il canestro dal palleggio, trovando punti fondamentali nell’ultima frazione e permettendo a Milano di non soffrire cali di tensione quando conta portare a casa il match. Come in Coppa Italia, è sempre lui l’uomo su cui contare per vincere una partita fondamentale: stavolta non una gara da in/out, bensì un match fondamentale nell’economia di una Serie in cui il fattore campo peserà moltissimo anche nel caso in cui gli ospiti dovessero invertire il trend tra le mura amiche del PalaBigi.

@ Mediolanum Forum – Assago (MI)
TABELLINO COMPLETO

MILANO I NUMERI DELLA PARTITA REGGIO EMILIA
23 – Gentile PUNTI Della Valle – 20
6 – Kalnietis RIMBALZI De Nicolao – 5
– Lafayette ASSIST tre giocatori – 3
26 – Sanders, Gentile VALUTAZIONE De Nicolao – 14