News Serie A

Playoff Serie A – Leunen è un professore, Ragland domina il 4°Q e Avellino riapre la Serie

Credit to: Fabrizio Nigro

Avellino tira fuori l’orgoglio davanti al proprio pubblico e riapre una Serie che sembrava essere in discesa per Reggio Emilia, considerando come erano andati i primi due atti. Partita fantastica da parte dei ragazzi di coach Sacripanti, poiché gli irpini giocano la pallacanestro che gli piace, riuscendo a leggere benissimo i cambi difensivi degli ospiti e trovano in Nunnally e Leunen dei playmaker aggiunti. Reggio, dal canto suo, paga una pessima serata a livello di individualità, poiché Silins non riesce a replicare le prestazioni difensive offerte in Gara-2 e non riesce a contenere un Nunnally che torna ad altissimi livelli.

SIDIGAS AVELLINO GRISSIN BON REGGIO EMILIA
89
75
SERIE 1-2

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

1 – Il fatto difensivo per Reggio Emilia nel primo quarto, rispondente al cognome di Needham. Nonostante i due falli di Silins e Lavrinovic, con l’ingresso del play i reggiani riescono a trovare una difesa impressionante sul portatore di palla, poiché Needham porta una pressione incredibile su Green, mettendolo in difficoltà in ogni singolo possesso e portando a casa anche due falli offensivi (uno dei quali su blocco in movimento da parte di Ivan Buva). Ci sarebbero da menzionare gli 8 punti di Lavrinovic nella frazione, con il lungo lituano che mette in crisi gli irpini con soluzioni dall’arco, ma il fattore difensivo di Needham è un qualcosa di incredibile per come riesce a cambiare l’inerzia del match.

15 – I punti realizzati dal duo Buva-Cervi nella seconda frazione, praticamente gli stessi messi a referto da tutti gli effettivi di Reggio Emilia nello stesso lasso di tempo. Avellino sfrutta benissimo il fatto che, dopo nemmeno 3′ da inizio periodo, gli ospiti si trovano in bonus; la ricerca del lungo sotto canestro è sistematica da parte degli irpini e Reggio è costretta a ricorrere al fallo per evitare di concedere punti facili ai centri biancoverdi anche perché Menetti manda in campo un quintetto piccolo in cui è Polonara a fare il 5. Grazie a questa produzione offensiva, e agli errori dalla lunga degli ospiti – Reggio tira 1/6 da tre nel secondo periodo – Avellino chiude avanti di 4 lunghezze il primo tempo.

7 – Le perse degli ospiti nel terzo periodo, con la squadra di coach Menetti che fatica tantissimo offensivamente non riuscendo a trovare un terminale di riferimento su cui indirizzare le giocate; i biancorossi faticano dalla lunga distanza – 1/6 d tre anche in questa frazione, come nel 2° quarto – e non riescono a far circolare la palla come al solito, anche perché Avellino chiude bene l’area e non concede le facili penetrazioni che aveva permesso a Kaukenas e Polonara nel primo tempo. Il problema è che, nel frattempo, i buoi sono già scappati dalla stalla, perché Avellino trova un parziale di 25-15 nella terza frazione di gioco e vola verso la prima vittoria in questa Serie.

10 – I punti realizzati da Stefano Gentile nell’ultima frazione, con il play che cerca in tutti i modi di tenere a contatto gli ospiti anche grazie a triple importanti; il figlio del leggendario Nando è uno dei pochi a tenere un rendimento offensivo costante per i biancorossi, ma le sue giocate sono vanificate da un Joe Ragland autore di 12 punti nello stesso periodo di gioco e vero ago della bilancia per gli irpini negli ultimi 10′ di partita.

27 – Gli assist con cui Avellino chiude la partita: quello delle assistenze è il dato più significativo del match, poiché è emblematico di come gli irpini riescano a leggere benissimo ogni situazione offensiva e ogni raddoppio difensivo degli ospiti. Avere Leunen in squadra, poi, rende tutto più magico, perché il veterano sa perfettamente calarsi nel ruolo di point-forward per regalare anche assist no-look da capogiro. Vedere giocare così la squadra di coach Sacripanti è un piacere, anche perché il giocare con i lunghi non è cosa da tutti in Serie A e le sole 14 triple tentate spiegano benissimo come Avellino abbia un’impronta di gioco ben definita.

@ PalaDelMauro – Avellino (AV)
TABELLINO COMPLETO

AVELLINO I NUMERI DELLA PARTITA REGGIO EMILIA
21 – Buva PUNTI Gentile – 12
12 – Leunen RIMBALZI Polonara – 7
– Nunnally ASSIST Needham – 4
29 – Nunnally VALUTAZIONE Gentile, Lavrinovic – 12