News Serie A

Playoff Serie A – Milano espugna il PalaBigi: è il 27° Scudetto!

Simon Krunoslav (EA7 Emporio Armani Milano)
Simon Krunoslav (EA7 Emporio Armani Milano)

Milano sfata l’incubo PalaBigi e conquista il 27° Scudetto della sua storia con una prestazione tutto cuore e grinta, ringraziando specialmente Batista e Simon, autori delle giocate fondamentali proprio nei momenti più importanti del match. Reggio Emilia getta il cuore oltre l’ostacolo e trova un Kaukenas clamoroso per intensità e giocate offensive, ma il lituano non basta a una squadra che, comunque, esce a testa altissima in un confronto con una realtà che può contare certamente su un altro livello di investimenti.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA EA7 EMPORIO ARMANI MILANO
70
74
SERIE 2-4

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

12 – Le triple tentate nel primo quarto dai padroni di casa: Reggio Emilia cerca di sfruttare la pericolosità dal perimetro degli esterni, ma a volte forza troppo – specialmente con triple in transizione che non hanno molto senso per come si sta svolgendo la partita – dimenticandosi di cercare in post un Lavrinovic particolarmente presente a rimbalzo e in difesa. Il gioco perimetrale è necessaria evoluzione di una pallacanestro in cui si preferisce forzare da tre punti anziché cercare altri giochi, magari per i lunghi; c’è da dire, però, che molte delle triple costruite dai reggiani sono perfette e non entrano semplicemente per sfortuna.

8 – I punti consecutivi realizzati da Amedeo Della Valle nella seconda frazione, i quali consentono ai padroni di casa di scavare un solco importante, portandosi sul + 9 all’intervallo lungo; è sempre lui il giocatore che dà il là ai parziali con cui Reggio prende le redini del match o rientra in partita, trovando realizzazioni incredibili e riuscendo sempre ad essere il giocatore chiave di una Serie che, a turno per gli emiliani, ha visto vari giocatori eclissarsi in alcune partite. La difesa milanese non lo tiene praticamente mai, ma è anche vero che certe conclusioni sono frutto di una verve offensiva che pochi altri giocatori possono vantare in questa Serie A.

8 – I punti realizzati dall’Olimpia nel secondo quarto, con Milano che viaggia a 4/10 da due punti e 0/6 dalla lunga distanza. Le difficoltà in fase offensiva si palesano anche in questo sesto atto della Serie, ma i biancorossi non fanno praticamente niente per evitarle: il gioco statico sul perimetro e gli incredibili appoggi sbagliati sotto canestro non producono punti, tanto che sono solamente due i giocatori ospiti a sporcare il proprio tabellino nella frazione in questione (Gentile con 6 e Sanders con 2). Il problema è che Milano, a volte, si dimentica anche di difendere, concedendo comodi canestri ai padroni di casa, ed è così che si spiega il parziale di 19-8 con cui si chiudono i secondi 10 minuti del match.

22 – La valutazione di Esteban Batista a fine terzo quarto, con il lungo ex-Panathinaikos che è il principale fattore difensivo e a rimbalzo per i milanesi; era stato criticato fortemente per un rendimento che non aveva rispecchiato gli standard cui aveva abituato i tifosi meneghini da quando era arrivato a Milano, ma in questa Gara-6 dimostra di poter essere decisivo, complici anche i problemi di falli che affliggono i centri della Pallacanestro Reggiana.

2 – I giocatori chiave per Milano nell’ultima frazione, ovverosia Kruno Simon e Milan Macvan. Il croato domina l’inizio di frazione con due triple fondamentali e un assist clamoroso, prima di realizzare il canestro che, forse, vale una buona fetta di Scudetto; l’ala serba, invece, piazza 7 punti tra i quali una tripla da 7 metri abbondanti per garantire un po’ di vantaggio ai milanesi. Proprio i due giocatori più in ombra in questa Finale sono imprescindibili per vincere un 27° Scudetto che a Milano sognavano come poche altre cose nella vita; si completa così una stagione ricca di successi, con il double italico grazie anche alla Coppa Italia alzata al cielo nel febbraio scorso.

@ PalaBigi – Reggio Emilia
TABELLINO COMPLETO

REGGIO EMILIA I NUMERI DELLA PARTITA MILANO
18 – Kaukenas PUNTI Gentile – 16
8 – Polonara RIMBALZI Batista – 9
– De Nicolao ASSIST Sanders – 5
20 – Kaukenas VALUTAZIONE Batista – 23